L’ex arbitro Marelli: «Callejon non è in fuorigioco sul rigore»

La spiegazione argomentata della mancata segnalazione del fuorigioco in occasione del fallo di Buffon. Al Psg manca il rigore non fischiato a Maksimovic.

L’ex arbitro Marelli: «Callejon non è in fuorigioco sul rigore»

La posizione di Callejon

Luca Marelli, ex arbitro di Serie A, racconta sul suo blog (qui il pezzo completo) il rigore concesso a Callejon per fallo di Buffon. Anzi, di Buffon e Thiago Silva: «Sia il difensore che il portiere commettono un’irregolarità sullo spagnolo, che aveva anticipato gli avversari spostando il pallone sulla parte sinistra dell’area. Non c’è gioco pericoloso (gamba tesa) di Callejon poiché il gesto non ha messo in pericolo l’incolumità degli avversari (al momento del tocco dell’attaccante, Buffon è ancora lontano)».

Le discussioni (anche di Tuchel in conferenza stampa) vertono però sul presunto fuorigioco dell’attaccante del Napoli. Una tesi che viene sconfessata attraverso lettura e interpretazione del regolamento. Leggiamo: «Al momento del lancio di Insigne, il compagno Callejon è in netta posizione di fuorigioco. Solo che questo episodio è il miglior esempio possibile di quel che si intende per “giocata” del difendente che sana il fuorigioco di un attaccante. La ratio di questa interpretazione del fuorigioco mi è poco chiara, nel senso che la scelta di non punire un calciatore in posizione irregolare mi pare (da sempre) un’evidente forzatura della regola generale. È anche vero, però, che questa interpretazione esiste, è regolamentata, è applicata e, pertanto, dobbiamo prenderne semplicemente atto. Vale un brocardo ineludibile: le leggi possono anche essere discutibili ma, se vigenti, devono essere sempre applicate».

Immagine tratta dal blog di Luca Marelli

Il punto sta nell’errore di Thiago Silva, come si evince dall’immagine appena sopra: «Il difensore brasiliano, in perfetto controllo del proprio corpo e senza essere minimamente influenzato dalla posizione irregolare dell’avversario, tenta di controllare il pallone, lo sbaglia completamente e poi è correo del fallo da rigore su Callejon». Marelli riporta anche le seguenti immagini che “spiegano” questa sua interpretazione.

Manca un rigore al Psg

Marelli scrive anche del fallo di Maksimovic su Bernat. Per lui è un rigore non fischiato al Psg: «Il terzino dpagnolo, rientra sul piede destro e cade dopo un contatto col difensore del Napoli. Poco da aggiungere anche in questo caso: fallo da rigore evidente, svista di Kuipers abbastanza grave. Col Var sarebbe stato concesso? Probabilmente sì, anche se l’episodio è stato visto e valutato dall’arbitro. Il motivo è che, in questa circostanza, Kuipers deve aver visto una deviazione del pallone da parte di Maksimovic. Che non c’è stata».

 

ilnapolista © riproduzione riservata