L’Italia di Mancini sorprende tutti: gran gioco e vittoria: 1-0 in casa della Polonia

Bellissima prestazione, Polonia dominata, due traverse (una colpita da Jorginho e l’altra da Insigne), occasioni sciupate e al novantesimo il gol decisivo di Biraghi

L’Italia di Mancini sorprende tutti: gran gioco e vittoria: 1-0 in casa della Polonia

Polonia dominata

Polonia-Italia di Nations League resterà nella memoria come una partita giocata bene, potremmo dire benissimo, dalla Nazionale. Che vince con merito al novantesimo con gol di Biraghi che in spaccata, su azione di calcio d’angolo, sfrutta una spizzata di Lasagna. Successo insperato viste le tante occasioni sprecate e anche il passare del tempo. E invece ci pensa il difensore della Fiorentina a salvarci da una possibile retrocessione in Nations League (ora retrocede la Polonia) e tenerci ancora in corsa per il passaggio del turno. Bisogna battere il Portogallo. Era davvero da tempo che non assistevamo a una prestazione di così alto livello dell’Italia.

Mancini schiera la formazione attesa, quella che è partita titolare (e ha giocato un bel primo tempo) contro l’Ucraina (finita poi 1-1). Donnarumma; Florenzi, Bonucci, Chiellini, Biraghi; Berretta, Jorginho, Verratti; Bernardeschi, Insigne, Chiesa. Grandi meriti per Mancini che probabilmente ha trovato la formazione titolare. La sua Italia offre un gioco spumeggiante, affronta la Polonia a viso aperto, cerca la vittoria per novanta minuti e alla fine la ottiene. Nel finale, sullo zero a zero, sorprende per l’ingresso di Lasagna mentre resta in panchina Immobile. Lasagna offre poi, su corner, l’assist di testa per Biraghi.

Gol decisivo di Biraghi

Ci si aspettava come al solito di assistere a uno spettacolo mediocre. E invece l’Italia ci lascia a stroppiciarci gli occhi. Pronti via, colpisce una traversa con Jorginho (gran bel tiro da fuori area), poi ne colpirà un’altra con Insigne che in scivolata in area alza troppo il pallone invitante di Chiesa. Italia che stordisce e spaventa la Polonia con continue accelerazioni. I cambi di ritmo stavolta sono i nostri. Szczesny togli un colpo di testa di Chiellini dalla porta, nega la rete a Florenzi liberato da uno splendido tacco di Insigne e compie un altro paio di interventi (uno su Bernardeschi e uno su Jorginho). Nel primo tempo la Polonia non c’è, solo un’occasione che Milik spara in porta ma Biraghi devia fuori.

Nella ripresa è ancora Italia che sfiora il gol in più occasioni (una con Bernardeschi). C’è pure Donnarumma che è molto bravo a respingere un tiro di Grosicki. Poi Milik – titolare – si divora una rete che sembra fatta. Nel finale, la rete decisiva. E un successo che probabilmente rappresenta un’inversione storica dopo la clamorosa mancata qualificazione al Mondiale.

ilnapolista © riproduzione riservata