Gazzetta: Italia-Ucraina, Insigne attaccante (in alternanza con Bernardeschi)

Amichevole a Genova, Mancini sceglie una formula spuria per utilizzare tutti i suoi talenti offensivi. In avanti, Lorenzo con Chiesa e Bernardeschi.

Gazzetta: Italia-Ucraina, Insigne attaccante (in alternanza con Bernardeschi)

Le parole di Mancini

«Insigne ora gioca più vicino alla porta. Lo fa alla grande e continua a segnare, anche gol pesanti». Parla così Roberto Mancini, ct dell’Italia, alla viglia del match contro l’Ucraina. Questa sera, a Genova, la nazionale scoprirà il “nuovo” Insigne. Lorenzo sarà schierato da attaccante, almeno stando alle indiscrezioni sulla formazione raccolte dalla rosea.

La formazione dovrebbe essere la seguente: Donnarumma in porta; Florenzi, Bonucci, Chiellini e Biraghi in difesa; Verratti, Jorginho e Barella a centrocampo (il baby cagliaritano potrebbe essere l’esordiente numero 800 nella storia della Nazionale); Chiesa, Bernardeschi e Insigne là davanti. Sempre secondo la Gazzetta, il ruolo di prima punta sarebbe alternato, un po’

Il talento

L’idea di Mancini sarebbe quella di mettere insieme i migliori talenti offensivi, con una formula spuria che esalta la qualità dal centrocampo in su. Forse è anche una questione di preferenze, come spiega la Gazza: «Mancini aspetta quasi certamente il miglior Balotelli, ma sembra poco attratto dagli altri centravanti, in attesa magari della definitiva consacrazione di Cutrone e del salto di qualità di Belotti».

Per il momento, potrebbe o può bastare Insigne attaccante. Ieri ne abbiamo scritto qui, tra tattica e tecnica individuale. Stasera vedremo gli stessi concetti declinati in un sistema diverso.

ilnapolista © riproduzione riservata