La Gazzetta: “Si vince con i campioni, Insigne non pervenuto”

Garlando: “La tattica è il pane dei poveri. Hysaj e Mario Rui sono ammirevoli soldatini tattici ma per vincere meglio Rui Cancelo”

La Gazzetta: “Si vince con i campioni, Insigne non pervenuto”
Foto Ssc Napoli

“La tattica è il pane dei poveri”

La cronaca di Luigi Garlando, sulla Gazzetta, è un inno a Cristiano Ronaldo. Stavolta comprensibile e meritato. Perché il portoghese è stato il mattatore della serata.

“Doveva essere la Juve di Cristiano Ronaldo. Eccola, nel primo vero incrocio da scudetto. Il portoghese non ha segnato, ma è come se ne avesse fatti 3. Insigne, il CR7 del Napoli, come gli accade spesso in partite di questo livello, non è pervenuto”.

Garlando scrive: “il talento è il caviale dei ricchi, la tattica il pane dei poveri. E di solo pane non si campa. Riguardatevi il primo gol bianconero”.

Si vince con i campioni, da Hazard a CR7

Prosegue: “Ammirevoli soldatini tattici, Hysai e Mario Rui, ma per vincere meglio un Cancelo. Con che schema Sarri ha battuto il Liverpool in Coppa? Hazard ha preso palla, ha scartato anche Klopp ed è arrivato in porta. Campioni, appunto. Il Napoli ha già ricevuto da Ancelotti un senso e una buona quadratura, ma al confronto con le individualità e la fisicità della Juve si è dimostrato piccolo ed è scivolato a 6 punti. Oggi solo il Sassuolo, battendo il Milan, può avvicinarsi a -5. Un baratro. Il campionato non è morto, ma gode di pessima salute”.

“Il Napoli – conclude – ha pagato l’inferiorità fisico-tecnica e anche lacune tattiche. Ancelotti è stato bravo a dare in fretta una nuova identità tattica.

ilnapolista © riproduzione riservata