No convenzione per il San Paolo, no biglietti ai consiglieri comunali

Ieri mattina la comunicazione del capo di gabinetto Attilio Auricchio. Non tutti l’hanno presa bene

No convenzione per il San Paolo, no biglietti ai consiglieri comunali

Circa 160 biglietti

Non è stata rinnovata la convenzione tra Comune di Napoli e Calcio Napoli, e una delle conseguenze è stata il congelamento dei 160 biglietti riservati per ogni gara ai consiglieri comunali. Che ieri mattina sono stati informati, come scrive Il Mattino, da una comunicazione del capo di gabinetto Attilio Auricchio: «si informa che, allo stato, in assenza di accordi specifici con la SSC Napoli, non saranno disponibili i tagliandi di ingresso relativi all’incontro di calcio Napoli-Milan di sabato 25/8/2018».

Non tutti l’hanno presa bene.

Aniello Esposito del Pd: «Premetto che va benissimo non andare allo stadio, sono anzi d’accordo. Ma trovo assurdo che il proprietario dell’impianto resti fuori e il presidente che non firma la convenzione da anni possa utilizzare la struttura per fare business».

Nino Simeone presidente della commissione Infrastrutture alza l’asticella dello scontro: «Non sono assolutamente interessato all’ingresso allo stadio. La cosa che a me interessa e che la società paghi per giocare nel San Paolo, così come farebbe chiunque altro, soggetto pubblico o privato, per utilizzare le strutture di proprietà del Comune».

ilnapolista © riproduzione riservata