Per il post-Reina, Napoli diviso tra Areola, Meret e… Raiola

La Gazzetta dello Sport e Il Mattino ricostruiscono la giornata di ieri: doppia accelerata, il Napoli insiste sia per Areola che per Meret.

Per il post-Reina, Napoli diviso tra Areola, Meret e… Raiola

Gli articoli de Il Mattino La Gazzetta dello Sport

Areola-Meret, Meret-Areola. Il Napoli non pare voglia uscire da questo loop per quanto riguarda il portiere titolare della prossima stagione. È un gioco continuo di sorpassi e controsorpassi, almeno secondo la narrazione mediatica. Ieri sembrava essere il giorno del portiere francese, in serata nuovo ribaltamento. Sui giornali di questa mattina, c’è ancora incertezza.

Per la Gazzetta dello Sport, ad esempio, in pole ora c’è Alex Meret. Leggiamo: «Ancelotti ha chiesto uno sforzo per Alphonse Areola, ma il Psg non ha ancora dato il via libera alla cessione del francese (scadenza 2019) assistito da Mino Raiola, che per altro al momento intrattiene rapporti sereni con il
Napoli. Il club ha stanziato una cifra limite di 25 milioni, che rappresentano anche la valutazione che gli azzurri fanno di Meret ma ieri c’è stata una forte accelerazione per il portiere dell’Udinese: si tratta sui 25 milioni più bonus. L’italiano, inoltre, è favorito nel ballottaggio perché chiederebbe un ingaggio inferiore rispetto all’ex di Bastia e Villarreal».

La Gazzetta scrive che dalla scelta del primo portiere dipenderà anche il destino di Gigi Sepe. Sarà il dodicesimo designato in caso di arrivo di Areola, mentre sarebbe ceduto in caso di arrivo di Meret. Perché, eventualmente, si andrebbe su un estremo difensore «esperto ma non troppo smanioso di giocare (profilo alla Consigli, per intenderci). Risolto l’enigma, il Napoli si tufferà su un terzino destro alternativo a Hysaj: Lainer del Salisburgo e aspetterà per conoscere il futuro di Callejon, Albiol (le cui clausole, da 23 e da 6 milioni, scadranno il 30 giugno) e Hamsik (per il quale i cinesi arrivano a offrire al massimo 15 milioni)».

Ma De Laurentiis è a Parigi

Come scritto prima, però, la partita non è ancora chiusa. Lo spiega anche Il Mattino, raccontando il viaggio francese di Aurelio De Laurentiis. Il presidente del Napoli era in missione per conto dell’Eca, ma ha anche «parlato con i dirigenti del Paris St. Germain di Alphonse Areola, il portiere 25enne che
Carletto Ancelotti ha convinto a seguirlo nella sua avventura in azzurro. Già, perché Re Carlo si
è mosso in prima persona per strappare il sì al numero uno francese che ha esordito in Ligue 1 con lui in panchina il 18 maggio del 2013».

Secondo il quotidiano napoletano, ADL è pronto ad un prestito pur di sbloccare la situazione. Ed ha un alleato insospettabile: «La chiave di tutto è Gigione Donnarumma: perché il Psg pensa al portiere del Milan per affiancare Buffon la prossima stagione, con lo stabiese titolare. E in queste ore, approfittando anche delle difficoltà finanziarie dei rossoneri, il club dello sceicco Al Thani sta spingendo sull’acceleratore. Motivo per cui De Laurentiis ha deciso di muoversi con decisione. Il prezzo di Areola è altissimo: il suo cartellino viene valutato 35 milioni di euro dal club francese.
Il Napoli è assai vicino alla richiesta francese. Ma qui entra in gioco Mino Raiola che, guarda caso, è l’agente sia di Donnarumma che di Areola. Insomma, avendo un po’ (troppo) il pallino della situazione in mano, conosce il modo per ammorbidire le posizione di tutti».

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. onofrio marino 22 giugno 2018, 9:36

    Areola è della scuderia di Raiola, quindi non è da prendere. L’anno prossimo ridiscuterebbe il contratto come consuetudine e con De Laurentiis rischieremmo un’altra estate in cerca del portiere. Io direi al massimo un anno in prestito e Meret, altrimenti Meret e un altro tipo Consigli.

Comments are closed.