San Paolo-Universiadi, ecco il bando per la pista d’atletica e l’impianto luci

Il Mattino spiega la situazione del San Paolo: «Le gare si concluderanno il 23 maggio, al momento non c’è copertura finanziaria per la seconda parte del restyiling».

San Paolo-Universiadi, ecco il bando per la pista d’atletica e l’impianto luci

L’articolo de Il Mattino

Stadio San Paolo, ecco il bando per le Universiadi. La manifestazione d’interesse pubblicata riguarda il rifacimento della pista d’atletica e del sistema di illuminazione dell’impianto di Fuorigrotta. Le aziende interessate avranno tempo fino al 21 maggio per presentare le loro offerte.

In un articolo de Il Mattino, viene chiarito che questi non saranno interventi conclusivi: «Il progetto per il rifacimento dello stadio vale almeno 20-25 milioni. Una cifra che, in questo momento, non è coperta da finanziamenti. La prima tranche – da oltre quattro milioni – si concentra sul rifacimento della pista di atletica, per due milioni, e il rifacimento dell’impianto di illuminazione per altri due milioni di euro».

Il quotidiano del Chiatamone spiega come il meccanismo di scelta delle aziende vincitrici sia «abbastanza complesso. Il  Comune, “nel rispetto dei principi di trasparenza, concorrenza, rotazione”, sulla base delle offerte ritenute idonee, procederà
ad invitare quindici operatori a presentare un’offerta formale entro otto giorni. Le aziende che aderiscono saranno poi sorteggiate “mediante foglietti” il prossimo 23 maggio».

Il resto del restyling

Il Mattino spiega anche la situazione in merito al resto dei lavori al San Paolo. Gli altri interventi riguarderebbero la sostituzione dei seggiolini e della batteria di bagni. «Opere che – spiega il Mattino – prevedrebbero la chiusura di alcuni settori dello stadio. Un’eventualità che ha provato l’ira di De Laurentiis. Anche se non c’è ancora copertura finanziaria per questi lavori, si conta di utilizzare i 12 milioni di euro stanziati per il Collana, poi uscito dalla programmazione delle Universiadi».

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Il S. Paolo con una spesa non eccessiva potrebbe tranquillamente essere messo in ottime condizioni. Anche la brutta copertura metallica potrebbe facilmente essere resa accettabile con opportuni interventi di architettura ( rivestirla in parte con display o materiali innovativi etc. etc. ). si potrebbe fare, ma non si farà sia per “”strani interessi”” sia x incapacità !!!

  2. Raffaele Sannino 15 maggio 2018, 18:10

    L’unica entrata che garantisce lo stadio è il canone pagato dalla squadra di calcio.Invece di destinare le (inesistenti) risorse per l’utilizzo calcistico,spendono soldi per la più inutile delle manifestazioni sportive.Giusto per curiosità;qualcuno conosce chi ha vinto la medaglia d’oro dei cento piani agli ultimi giochi universitari?

    • Orsato inseguito dai tifosi dell’Inter mi sembra.

    • Oramai siamo alla tristezza piu` assoluta, non vedo cosa si aspetta a vendere l’impianto a l’unica entita che rende lo veramente utile, la SSCN, che e` l’unica possibilita concreta di avere finalmente uno stadio moderno, e decente.

Comments are closed.