Gazzetta: “De Laurentiis vuole più attenzione ai giovani e un Napoli competitivo anche in Europa»

«Un faccia a faccia sereno, ma il tecnico non si è voluto impegnare, valuterà altre proposte. Lo stipendio saraà di tre milioni più uno di bonus»

Gazzetta: “De Laurentiis vuole più attenzione ai giovani e un Napoli competitivo anche in Europa»
De Laurentiis e Sarri

Sarri valuterà altre offerte

Il resoconto della Gazzetta dello Sport è più o meno in linea con quello del Corriere della Sera. Anche il quotidiano rosa sottolinea che il confronto è servito a stemperare qualche tensione e che Sarri ha preso tempo. Scrive di “faccia a faccia sereno, caratterizzato dalla voglia di entrambi di non deludere un intero popolo schieratosi a sostegno del progetto e del proprio allenatore”.

A Sarri è stato proposto l’allungamento del contratto fino al 2021 con un robusto aumento dello stipendio. Ma ogni decisione è stata rimandata alla prossima settimana. Il tecnico non s’è voluto impegnare, s’è voluto riservare la possibilità di riflettere e, comunque, di valutare eventuali offerte che ha ricevuto in queste settimane.

Le richieste di De Laurentiis

De Laurentiis ha chiesto al suo allenatore una maggiore attenzione al resto dell’organico oltre che ai titolari. Negli ultimi due anni, il presidente ha investito una sessantina di milioni di euro per assicurarsi giovani di prospettiva, ma che Sarri ha tenuto poco in considerazione. I vari Diawara, Rog, Ounas e eventuali nuovi acquisti dovranno avere maggiore spazio, mentre alcuni titolari potranno andare via se ci saranno club pronti a pagare la clausola (Mertens e Callejon).

Dopo l’eventuale firma, scrive la Gazzetta, si parlerà di obiettivi futuri e sottolinea che “non si ripeterà l’errore commesso quest’anno di lasciare di proposito le coppe europee: il Napoli dovrà essere competitivo in campionato e in Europa”.

I soldi

La proposta è di tre milioni più un bonus di un milione per la qualificazione in Champions. “Sarri – ancora la Gazzetta – guadagnerà 4 milioni di euro a stagione fino al 2021. Il suo stipendio sarà equiparato a quello degli allenatori di fascia medio-alta. Qualcosa cambierà anche per la comunicazione: un allenatore da 4 milioni di euro all’anno non potrà più sottrarsi alle conferenze stampa, al di là della piaga scaramanzia. Diversamente, ne perderebbe in prestigio”.

ilnapolista © riproduzione riservata