Costacurta: «Bando per le seconde squadre in Lega Pro, si parte il prossimo anno»

L’intervista di Alessandro Costacurta, subcommissario della Figc, a Rivista Undici: «Le squadre B di chi che aderirà al programma subentreranno ai club che non riusciranno ad iscriversi».

Costacurta: «Bando per le seconde squadre in Lega Pro, si parte il prossimo anno»

L’intervista a Undici

Alessandro Costacurta, subcommissario della Figc, annuncia la rivoluzione. Le seconde squadre saranno presto realtà anche in Italia, inizieranno dalla Lega Pro. E saranno parte attiva dei campionati sotto la Serie A, proprio come avviene in Spagna. Questo un estratto dell’intervista rilasciata da Costacurta a Rivista Undici: «Presto ci sarà un bando. I club di Serie A che vorranno aderire chiederanno di iscrivere la loro “Squadra B” al campionato di Lega Pro. Queste seconde squadre saranno composte da calciatori under 21, con la possibilità di introdurre due fuoriquota under 23. Saranno inserite al posto dei club che non si iscrivono, quest’anno non ci saranno ripescaggi».

Prosegue Costacurta: «Ci saranno dei limiti per le nazionalità, che stiamo ancora definendo. Le rose dovranno avere n numero minimo di giocatori convocabili per le Nazionali italiane. Le squadre faranno classifica, potranno essere promosse e retrocedere. Una sola limitazione: non potranno mai giocare nel campionato della prima squadra».

È la riproduzione esatta del modello spagnolo: il Barcellona B e il Siviglia Atlético sono iscritte alla Segunda Division  (la nostra Serie B), ma non possono aspirare al salto di categoria. Possono, invece, retrocedere nella Segunda Division B (la nostra Serie C). Anche i club portoghesi hanno questo tipo di politica, mentre in Germania e Francia le squadre riserve non possono andare oltre la terza e la quarta serie.

ilnapolista © riproduzione riservata