Sconcerti: «La praticità magrissima della Juventus è vita vera»

Mario Sconcerti elogia la Juventus sul Corriere della Sera: «La Juventus non fa spettacolo, ma il calcio migliore non esiste. E i bianconeri cercano il proprio come nessun altro».

Sconcerti: «La praticità magrissima della Juventus è vita vera»

L’elogio sul Corsera

Mario Sconcerti difende ed esalta la Juventus sul Corriere della Sera. «Da una parte», scrive l’editorialista, «c’è chi crede nell’estetica. E poi c’è la Juventus dalla logica ferrea, una vittoria che non si discute perché il risultato è più importante di tutto. È questa la differenza del calcio, sentire il risultato, adattarsi al meteo, difendersi quando si deve e colpire quando lo spazio si allarga».

Sconcerti ne fa un discorso di caratteristiche: «La Juve è questa, abituata a non avere lo spettacolo in mano perché non può, non ha il centrocampo adatto, troppi mezzi campioni. Ma chiusa, compatta, quasi irridente con chi ha voglia di fare scherzi con la palla, con chi gioca da monelli come il Tottenham. Che non ha capito la partita, e poi è arrivato il mestiere della Juventus.  Sono bastati due palloni di Higuain, mentre non ce n’è stato uno di Kane, annullato in tutto. Non credo che la Juve abbia avuto fortuna, è partita con un rigore in meno dopo pochi minuti. Ha subìto molto la vanità inglese, ma ha sempre giocato la sua identica partita. Il Tottenham ha preso il gol di Dybala in contropiede con la difesa alta di almeno 40 metri. Questo non è spettacolo, è calcio sbagliato».

Dal confronto, parte l’elogio: «Viva questa praticità magrissima che è vita vera. Spesso perdiamo tempo a cercare il calcio migliore. Avrete finalmente capito che è come il tempo, non esiste, ognuno ha il suo. È la Juve ad avere un modo di cercarlo che nessuno ha più. E merita di prendersi questa rivincita».

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Joe Sebastianich 9 marzo 2018, 17:31

    Il Tottenham è una squadra di arroganti ragazzini talentuosi. Con il vantaggio si sono seduti a fare il compitino e la Juve in 5 minuti di grazia ed i successivi, ed ultimi, di inopinata e incontestabile fortuna, ha avuto la meglio. A me non piace il loro modo di giocare, e non piace questa diatriba tra il bel gioco che non vince e quello brutto che vince. Sosteniamo la nostra squadra per aiutarla a centrare l’obiettivo, tutto il resto è aria fritta che serve a gonfiare il petto di giornalai faziosi e incompetenti

  2. Alberto De Rosa 8 marzo 2018, 17:46

    La maggioranza dei tifosi neutrali (ed anche in parte alcuni juventini) desiderava, sino a qualche tempo fa, la vittoria del Napoli. Adesso vedo un sorprendente cambio di rotta. Se prima della sconfitta della Roma lo scudetto il Napoli doveva vincerlo per acclamazione adesso i media – con chiaro intento manipolatorio – affermano che merita di vincere la Rubentus perché è cinica, bada al sodo, è cattiva, ha personalità…ma come si può in così poco tempo a cambiare opinione a a seconda delle contingenze temporali (nella specie, un vittoria a mazzo sul Tottenham) ? Giornalisti prezzolati

    • I miei compagni di tifo che erano a Roma affermano che tutti i laziali siano pro-juve e anti-Napoli. Non lo so perche’, forse il Napoli comincia a risultare antipatico a tutti con le continue lamentele e scuse barbine.

  3. Caro Sconcerti, la tua capacità di formulare discorsi incoerenti e capziosi aumenta con l’età.
    I savoiardi da un bel po’ hanno una media realizzativa che è pari ai tiri in porta: 1 tiro, un gol; 2 tiri, 2 goal; 3 tiri, tre goal.
    Bene, speriamo che vadano in finale di champions, dove sicuramente troveranno un avversario che ristabilirà la giustizia, magari giocando quel “calcio migliore, che non esiste”.

  4. L’impresa di ieri è stata aiutata dalla fortuna, ma in questo non ci sarebbe nulla di male perché la fortuna fa parte del gioco. L’impresa di ieri, pur non avendo nessuna simpatia per il loro tipo di gioco (sono un sarrista felice e convinto), presa in sé potrebbe anche essere guardata con una qualche forma di ammirazione e certamente con rispetto sportivo. Ma solo in astratto. Perché in concreto, quello che rovina tutto e nega loro il rispetto anche quando nello specifico se lo sarebbero meritato, è che sappiamo bene che sono una banda di ladri.

  5. dopo anni e anni di vittorie tutte uguali, figlie della forza dei singoli così debordante rispetto alla concorrenza (come è logico visto l’altrettanto debordante ricchezza economica), il racconto che cercano di trovare questi professionisti per descrivere la banalità di fondo è ormai puro virtuosismo sinottico.
    Se non ci fosse il Napoli, che con la sua splendida differenza li aiuta a marcare tracce di ragionamento in questo mare di noia, credo che gli editoriali sportivi ormai sarebbero semplici banner pubblicitari.
    Sconcerti poi che ancora si ostina e trovare risvolti epici nella infinita cavalcata di questa corazzata grigia, ormai fa tenerezza.
    Che qualcuno gli spieghi che il calcio italiano vive il suo momento peggiore, e lo aiuti a capirne il perché.

    • antonietta61 8 marzo 2018, 15:10

      non dimentichiamo che sconcerti metteva Ronaldo in panchina nella juve!

    • Giulio Valerio Maggioriano 8 marzo 2018, 18:33

      Immagino che il problema del calcio italiano sia la Juve…

  6. Discorso che, fin quando questo atteggiamento in campo porterà risultati, potrebbe non fare una piega. Detto però da chi fino a ieri esaltava la bellezza a discapito di questo atteggiamento, e l’altro ieri ancora diceva invece che Ronaldo avrebbe fatto panchina alla rubentus, mi sa solo di un giornalista sul viale del tramonto che dà un colpo al cerchio e uno alla botte in attesa di sapere con quale vincitore schierarsi.

    • antonietta61 8 marzo 2018, 15:12

      ho scritto la stessa cosa, scusami! sconcerti ormai è vecchio, poco lucido e risente anche di qualche patologia che metterebbe un anziano normale a casa al calduccio tra i suoi affetti più cari e invece lui a fforz vo parlà e la RAI continua a dargli spago e noi a pagarlo!

      • Ma figurati! Quella fu una tale follia che è impossibile non riportarla. 🙂
        In ogni caso io credo che, più che essere poco lucido, vada un po’ secondo convenienza, dove tira il vento: l’anno scorso era regolarmente prostrato ai piedi della Juventus; quest’anno invece, man mano che il Napoli guadagnava terreno, ha cominciato ad osannare il bel calcio che è anche capace di vincere, ed a inimicarsi anche Tardelli in diretta sul tema arbitri; adesso la Juve è di nuovo bella e buona. Questa secondo me è tutt’altro che mancanza di lucidità, è freddo calcolo.

  7. Fabio Milone 8 marzo 2018, 11:52

    Io credo che per i media e per tanti seguaci del calcio l’abbinamento bel gioco = estetica fine a se stessa obnubila le menti.
    E il contrario vale per il falso assioma nuda e orribile (a vedersi) praticita’ = vittoria.
    Il Napoli vi fara’ ricredere, anzi per me lo ha gia’ fatto, perche’ in campionato italiano giocato senza privilegi ed aiutini alla concorrente, prima fra tutte l’abolizione di fatto del VAR, saremmo primi di gran lunga.

    • Se invece guardi le statistiche degli errori arbitrali, il Napoli e’ tra le piu’ aiutate e la Juve la piu’ danneggiata dopo la SPAL. Ma quelli che fanno statistiche cosa vuoi ne sappiano….

      • Però….se vogliamo parlarne sul serio e senza litigare va definito a. cosa intendi per “danno”; b. orizzonte temporale, c. fonti. Altrimenti stiamo facendo come i politici ca…ri quando citano le incontrovertibili statistiche.

  8. Parlate con i delusissimi tifosi della Juve e capirete quanto sono insoddisfatti per tutto tranne che i risultati…ma quando si trovano davanti una squadra vera con la loro esperienza crolleranno perché non puoi batterli con quei 3/5 minuti soliti di impegno reale

  9. Ognuno non capisce di calcio a modo suo. In primis non capisco come mai il napolista piazza sempre articoli su altre squadre, anzi sulla giuve. Per il resto c’è poco da dire. Sconcerti – o qualsiasi altro giornalista – non avendo nulla da fare nella vita se non commentare partite di calcio, deve per forza fare l’intellettuale dei poveri. Ho visto la partita. La giuve è stata decisamente dominata (salvo qualche momento qua e là) e mentre iniziavo a imprecare – sperando che ce la facesse in modo da mantenere in futuro le energie mentali sulla coppa – ha trovato casualmente (nulla da dire sul secondo) due gol. Casualità che in futuro non basterà e allora gli intellettuali di cui dicevo prima cambieranno opinione…

  10. fossero usciti contro il tottenham sarebbe stato un fallimento, capisco che i giornali titolino “impresa” ma impresa non é , semmai é rimonta, ma perché e´ rimonta? mica d ufficio erano partiti sotto, il fatto di essere sotto se l erano meritato sul campo. l analisi va fatta nel complesso, complessivamente hanno giocato al solito , ovvero male.

    • Giulio Valerio Maggioriano 8 marzo 2018, 12:53

      Potrà anche non essere un’impresa, ma la Juve (per meriti dell’avversario e demeriti propri) era fuori dalla CL a mezz’ora dalla fine e l’ha ribaltata. A Wembley, non mi pare proprio una passeggiata.

    • Giulio Valerio Maggioriano 8 marzo 2018, 14:03

      Quindi si è meritata sul campo anche la rimonta…

  11. Giuseppe Corvino 8 marzo 2018, 10:51

    Ieri ho visto la partita. Il tifoso della Juve è sempre il bambino ricco viziato che senza sforzi pretende tutto. Ieri una partita in cui il Tottenham li ha presi letteralmente a pallonate

    • Che ottiene tutto. È diverso. Tu invece (e sono tifoso del Napoli) sei il classico prototipo che merita gli appellativi #maaaaolllx #fegatospappolato perchè non riesci ad ammettere che anche la via della Juve porti alla vittoria. Anzi la via della Juve di sicuro arriva alla vittoria.

      • Giulio Valerio Maggioriano 8 marzo 2018, 12:54

        Non è sicuro ma è una via legittima come altre. E alla fine si può giudicare solo in base ai risultati.

        • Sul tema “solo i risultati contano” filosoficamente non sono d’accordo. Sono d’accordo sul fatto che la determinazione e la concentrazione” della Juve sono davvero notevoli, pur se il calcio che gioca lo considero agli antipodi della mia concezione.

          • Giulio Valerio Maggioriano 8 marzo 2018, 18:29

            Non intendo che conta solo il risultato, ma sicuramente è il metro piu affidabile per giudicare la validità di (come in questo caso) una strategia. A me il gioco della Juve fa c… (e sono juventino) ma se fosso pagato per allenare e vincere, farei poca filosofia e baderei al sodo.

        • Fabio Milone 8 marzo 2018, 15:26

          “Legittima” e’ un ossimoro quando si parla di qualunque cosa riguardi la vostra Banda.

          • Giulio Valerio Maggioriano 8 marzo 2018, 18:30

            Lei Sig.Milone non sembra piu un ragazzino, se non ha imparato a parlare serenamente di calcio alla sua età è inutile che io perda tempo. Buona serata

      • Fabio Milone 8 marzo 2018, 15:25

        Mah… tre tiri in porta in 180 minuti, di cui uno al 93esimo, che fruttano tre punti in campionato ed una qualificazione ai quarti di CL e tu lo chiami “la via che porta alla vittoria”?
        Per me si chiama in maniera diversa e non lo scrivo perche’ alquanto volgare.
        Senza contare la macelleria che fa da contorno alle prestazioni della famigerata Banda Bassotti.
        A me questo calcio fa letteralmente schifo e arrivo a dire che se la mia squadra vincesse in questo modo me ne vergognerei profondamente.

        • Fabio se alla tua era ancora parli di macelleria, botte di fortuna et affini mi sa che abbiamo poco da dirci…

    • I miei contatti gobbi erano già tutti concordi nel dire “meritiamo di uscire”

    • Giulio Valerio Maggioriano 8 marzo 2018, 12:03

      Senza sforzi?

    • Veramente moltissimi tifosi della Juve apprezzano questo tipo di partite fatte di sacrificio e sofferenza. Il Tottenham ci avrà anche presi a pallonate, ma la Juve è sempre rimasta aggrappata alla partita con le unghie e i denti. Soffrendo.

      Cosa significhi il discorso sui bambini viziati lo sai solo tu…

      • giancarlo percuoco 8 marzo 2018, 13:09

        di questo ve ne do merito. secondo te può bastare per vincere in europa?

  12. Che squadra fantastica.

  13. Ciro Polpetta 8 marzo 2018, 10:08

    Vinceranno pure campionato e Coppa Italia. Ma sono ossessionati dal Napoli di Sarri. Quasi quanto il Napolista dalla J*ve.

    • Sei fuori strada. Non so se hai notato con che intensita’ la Juve gioca in Champions, anche quando gioca male? Il loro playground e’ l’Europa, non la serie A (vista la partita svogliata contro la Lazio? pensavano chiaramente che per quei pellegrini un golletto sarebbe bastato, ma ci son voluti 93 minuti). Figurati se la Juve e’ ossessionata dal Napoli! Allegri ha buttato dentro tutto quello che aveva ieri, fino alla fine. Sarri avrebbe pensato solo all’Udinese che arriva domenica.

  14. Pier Rosgelo 8 marzo 2018, 10:02

    Stupefacente! Persino Sconcerti, ogni tanto, capisce qualcosa di calcio

    • Peccato che la Bonarda o il Lambrusco sono finiti (o iniziati, fate voi) dimenticandosi i due mezzi rigori di Chiellini (palla presa due volte con la mano in area…)….difesa alta di 40 metri??? E allora a Sarri cosa dovrebbero dire che negli ultimi tre anni ha preso un gol in contropiede nel 2015 da Saponara ad Empoli e nel 2016 da Destro a Bologna….per rispetto di Astori non dico nulla sulla squadra di Sconcerti ma dire che la Juventus ha fatto meglio mi sembra per lo meno azzardato..ma tanto in Italia i giornalisti sono tutti schierati con Allegri, conta il risultato, bla bla bla…come dice Ciro Polpetta vinceranno (forse) Campionato e (sicuramente) Coppa Italia ma in CL la vedo dura, oh come la vedo dura, e non in finale ma dal prossimo turno…la fortuna non dura in eterno….

      • antonietta61 8 marzo 2018, 15:16

        non dimenticare che ai sorteggi sono sempre molto, molto fortunati..

        • Come quando ci e’ toccato il Barcellona ai quarti e poi quest’anno anche nei gruppi. Il Napoli invece sfortunatissimo, nel gruppo Shakhtar e Feyenoord!

    • Invece questo è uno dei pochissimi temi su cui napoletani, juventini e il resto del mondo possono convergere: Sconcerti è di una banalità e vuotezza senza limiti.

Comments are closed.