Crosetti: «Se esiste il sarrismo, non esiste l’allegrismo: Max non è schiavo dell’ideologia»

Il commento su Repubblica: «Allegrismo non è mancanza di idee, ma adattabilità. Max non ha mai venerato la religione dello schema, ogni modulo è plasmato come creta».

Crosetti: «Se esiste il sarrismo, non esiste l’allegrismo: Max non è schiavo dell’ideologia»
Allegri e Sarri

Identificazione con la Juventus

Panchina d’Oro a Massimiliano Allegri, un anno dopo Maurizio Sarri. Le differenze tra i due tecnici e i due personaggi (quindi tra sarrismo e allegrismo) vengono esaminati da Maurizio Crosetti, su Repubblica. È una differenza di approccio: «Se Sarri porta sulla panchina tutta la sua ideologia, la confezione di un personaggio atipico e interessantissimo, non classificabile all’interno delle altre specie di tecnico esistenti in natura, Massimiliano Allegri fa una cosa diversa. Porta in panchina nient’altro che sé stesso».

È un discorso di adattabilità, secondo Crosetti. Leggiamo ancora: «L’allenatore della Juventus non è tipo da “ismi”, e questo non è mica un difetto: niente isterismi, niente assolutismi. L’assenza non di idee, anzi, ma di ideologie lo ha portato quasi naturalmente sulla panchina che meno le sopporta, quella bianconera. E certo non è un caso che da quella scuola si passi in nazionale come se fosse un master prezioso: lo hanno fatto Trapattoni, Lippi, Capello, Conte, Deschamps (e un giorno, certamente, lo stesso Allegri). L’unico allenatore arrivato a Torino con troppo bagaglio personale è stato Gigi Maifredi, presto affondato insieme alla valigia. Perché alla Juve devi fare più con quello che hai che con quello che sei, e se non sei troppo è meglio. Allegri è così. Nongioca Higuain? Pazienza, si farà senza. Non c’è Dybala? Vuol dire che gioche ranno altri».

Anche per questo, l’allegrismo non esiste in quanto tale. Ma in quanto concetto plastico: «Siccome tra i più nefasti “ismi” c’è il dogmatismo, lo scaltro Allegri non ha mai venerato la religione dello
schema. Anzi ogni modulo juventino viene plasmato come creta, che la difesa sia a 3 oppure a 4, che il trequartista sia previsto oppure no. Che dite, lo chiamiamo allegrismo?».

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. sul “niente isterismi” avrei da ridire.
    Le (poche) volte che Allegri perde, rosica da paura e spesso risponde in modo isterico alle interviste. Si riveda la pantomima con Sacchi a Premium tempo fa.

    Facile avere basso profilo e non fare gli isterici quando si vince

  2. Francesco Sisto 27 marzo 2018, 12:49

    Ma per favore…Allegri a 2 squadre e mezza di quasi uguale qualita.. non gioca Higuain? Gioca Mandzukic.. Non gioca Cuadrado? Gioca Costa… Non gioca Kedira? Gioca Pjanic…Non gioca Buffon? Gioca Czhkzchky…
    Però gioco sempre zero.
    Ma di che parla Crossetti??

Comments are closed.