Pino Daniele, seguivi il nero di Miano e contaminavi Napoli

Pino Daniele, seguivi il nero di Miano e contaminavi Napoli

Pino, notti di bambino al porto,
la musica è gli allucchi delle madri, le liti dei poveri cristi,
Pino, nuje tirammo ‘nnanze cu ‘e dulure ‘e panza
e questi ci abboffano ‘e cafè,
Pino, chi tene ‘o mare cammina cu ‘a vocca salata,
Pino, tra l’America e l’Africa, a Miano (dalle parti di Miami)
incontrasti il nero intero ma napoletano che raccontava
la terra cattiva, che fa bene solo al padrone
mentre lo zappatore ci muore – e qui c’è davvero tutta la verità sul sud,
null’altro da aggiungere…
Pino, il maestro De Simone cercava nel passato
anche esoterico di Napoli la sua internazionalità,
tu seguivi il nero di Miano e la internazionalizzavi ricontaminandola –
“perché i cafoni del Delta del Mississipi erano ok e i nostri cafoni no?”*,
e allora perché Napoli non può essere la città blues del mediterraneo?
Pino, ascolti di gioventù: Tenco e Elvis, Stevie Wonder e Murolo
Mario Musella e Wayne Shorter,
Pino, al cinema, tra Anna Magnani e Massimo,
Pino, “nun se sente cchiù l’addore ‘e mare,
cu ‘o volto santo ‘mpietto e ‘a guerra dinte ‘e mane”,
Pino, a Napule nun se po’ restà, senza Napule nun se po’ stà,
perché – quello che vuoi – senza la Malacqua non saresti stato tu,
Pino, dietro la recente pacatezza, ancora inquietudine,
un sentirsi fuori posto, anzi a testa in giù, pure a Formia, a Grosseto,
ancora curiosità dietro brutti dischi, studio dei madrigali
cercando ancora un equilibrio,
Pino, che avresti preferito morire giovane pur di non duettare anche tu con Zucchero; invece ci hai duettato… e sei morto giovane…
Pino, “disperata vita che fuggendo il bene
miseramente cade in mille pene” **
e allora “saglie sulamente ‘a voglia ‘e jastemmà”
ma “nun ne parlamme cchiù,
nun ne parlamme”…

*Raffaele Cascone, dj, in un’intervista

** Gesualdo da Venosa

ilnapolista © riproduzione riservata