A Roma uno scivolone, a Marsiglia voglio un partitone

Il Napoli che perde con la Roma
è una squadra tosta e mai doma.
La partita è fatta di episodi,
per questo il calcio lo ami e poi lo odi.
La squadra in campo è compatta e corta,
la Roma deve stare molto accorta,
tiene la palla ma, alla mezz’ora,
di tiri in porta non ne ha fatti ancora.
Poi si fa male Totti: che fortuna !
Noi, invece, non ne abbiamo alcuna !!
Il Napoli, che fino a mo’ controlla,
all’improvviso scatta come molla.
Inler – Insigne, il suo tocco al volo
lancia Pandev verso la rete, solo !!
De Sanctis resta in piedi, impalato,
ma Goran questo gol se l’è mangiato !!!
Pandev – Insigne, Maicon superato
e lo sgambetta: è danno procurato !
Lui perde l’equilibrio, un po’ barcolla,
ma tiene palla al piede e non la molla,
la porta è vuota . . tira . . palo esterno !!
E io davanti a me vedo l’inferno !!!
Poi esce Britos, entra Cannavaro,
ed il nostro destino si fa amaro.
Primo intervento, fallo e punizione,
si prende pure un’ammonizione.
Io me lo sento “questo mo’ la mette”
e la palla finisce lì nel sette . . .
Ripresa: avanti Napoli ! E’ un assedio
cui la Roma non sa porre rimedio.
Inler da fuori tira: palo esterno !
Ce l’ha con noi, oggi, il Padreterno !!
Ancora palo esterno, Marekiaro !
E ci condanna, infine, Cannavaro . . .
Perde la posizione su Borriello
e se lo abbraccia, manco fosse bello.
L’arbitro dà rigore e ammonizione,
è la seconda, arriva l’espulsione.
Realizza il rigore ed è finita,
in questo modo chiude la partita.
Ho due parole per l’ex capitano.
Mi sembra con la testa assai lontano.
Ha giocato senza concentrazione,
con supponenza e disattenzione.
La sua presenza in campo è solo un guaio,
se continua così, quando è gennaio
mediti attentamente cosa fare.
Se in panchina non ci vuole stare
lo salutiamo e lo ringraziamo.
Uno più forte certo lo troviamo !!
Adesso per la Champions si va in Francia.
Facciamoci passare il mal di pancia !!!

Roma, Stadio Olimpico,
18 ottobre 2013 by Bruno

ilnapolista © riproduzione riservata