Che partita, e domenica sera c’è l’Inter. Un’altra battaglia

Altra notte magica per il Napoli che disintegra con un 3-1 il Chelsea milionario guidato da Villas Boas. Al San Paolo non si è registrato il tutto esaurito per numero di presenze, ma il record di incassi sì. Il  prezzo del biglietto per questa partita, più volte contestato dai tifosi, decisamente non era per tutte le tasche. Ad illuminare un’altra fredda e piovosa notte a Fuorigrotta, due dei tenori di questa squadra: Lavezzi, che ha messo a segno una doppietta e Cavani che ha firmato il suo quinto gol in Champions League.

La partita, attesa da tutti i tifosi come l’evento forse più importante di questi otto anni della gestione De Laurentiis, inizia  molto bene per i ragazzi guidati di mister Frustalupi, sostituto dello squalificato Mazzarri: trascinati dal tifo incessante, i partenopei si  propongono più volte davanti al portiere del Chelsea, Cech. Inaspettatamente, però, arriva la batosta per gli azzurri: al 27° un liscio di Cannavaro, determinato da un cattivo rimbalzo, spalanca la porta del paradiso a Juan Mata che, bravo a coordinarsi al volo, insacca di piatto alle spalle di De Sanctis. Dopo quindici minuti di sofferenza è ancora la squadra azzurra padrona del campo. Grazie ad uno spunto di un Lavezzi in grande spolvero, finalmente il Napoli riesce a pareggiare. Allo scadere del primo tempo, ancora Lavezzi si produce in un cross velenoso che Cavani trasforma in gol. Napoli – Chelsea 2-1 e  tutti negli spogliatoi.

Nel secondo tempo, monologo del Napoli. Scambio dei ruoli tra il Matador  e il Pocho. Assist fantastico di Cavani che l’argentino scaraventa in rete: 3 a 1. Purtroppo Lavezzi fallisce la personale tripletta e Maggio si vede respingere sulla linea di porta il pallone del quarto gol azzurro. Vittoria storica ma il ritorno allo Stamford Bridge si preannuncia incandescente: con un 2 a 0 il Chelsea recupererebbe la qualificazione ai quarti. Ma per due settimane è meglio non pensarci. Lo intuiscono i tifosi del Napoli  che al triplice fischio intonano ”o surdat ‘nnammurato”,  che stona i Blues e ci rende fieri di essere tifosi di questa squadra. Ora al Napoli tocca riconcentrarsi sul campionato. Domenica sera c’è l’Inter. Un’altra battaglia.

Adriano De Rosa

IV F Liceo Garibaldi – Napoli

Docente Prof. Stefania Colicelli

ilnapolista © riproduzione riservata