ilNapolista

Allegri, il vice Landucci sulla sua permanenza alla Juve: «Non credo» (VIDEO)

Landucci è stato ripreso mentre rispondeva alle domande di alcuni tifosi sul futuro di Allegri

Allegri, il vice Landucci sulla sua permanenza alla Juve: «Non credo» (VIDEO)
Db Torino 17/03/2024 - campionato di calcio serie A / Juventus-Genoa / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Massimiliano Allegri

Landucci, vice allenatore di Allegri, ha parlato con alcuni tifosi all’esterno dell’hotel Parco dei Principi. In merito alla permanenza di Allegri alla Juventus, Landucci ha risposto così: «Non credo».

👀🎥 “Non credo”: #Landucci risponde così ad un tifoso all’esterno dell’hotel Parco dei Principi sulla permanenza sua e di #Allegri alla #Juventus pic.twitter.com/5GDDf4nRZ8

— JuventusNews24.com (@junews24com) May 15, 2024

Polveriera Juventus: Allegri e Giuntoli non si parlano da mesi, Chiesa sta sulle scatole ai senatori

Il sorriso in conferenza stampa Massimiliano Allegri lo mostra sempre. Dice ai cronisti «di pazientare altri dieci giorni». Nel mezzo c’è una finale di coppa Italia che è il piatto forte della stagione. E le ultime gare di campionato, la prima a Bologna, e la seconda in casa, contro il Monza. Il 26 maggio è la data cerchiata in rosso nell’agenda di Max. Solo quel giorno scoprirà la verità sulla prossima stagione. «Pazientate altri dieci giorni, cosa volete che siano» sorride ai cronisti. Quel giorno lì, o al massimo l’indomani, dovrebbe essere esonerato.

Nell’attesa, Allegri continua ad avere la solita postura aziendalista. Mai un’uscita fuori posto, mai una dichiarazione contro la società. Eppure – racconta chi frequenta la Continassa – la situazione da mesi è «fuori controllo». Non è per niente un mistero che i rapporti tra Max e il direttore sportivo Cristiano Giuntoli non siano idilliaci. Diciamola cruda: i due nemmeno si parlano. A inizio stagione avrebbero stretto un patto di non belligeranza, consapevoli che a giugno le strade si sarebbero separate. Max ha vissuto male l’arrivo di Cristiano e quest’ultimo ha lavorato fin dal primo minuto alla costruzione di un’alternativa autorevole e internazionale da proporre ai vertici societari. Il clima è via via peggiorato. Il mercato invernale non ha tenuto minimamente in considerazione dei suggerimenti del tecnico. Che ha saputo solo dal suo amico Galliani dell’incontro tra Galliani appunto e Giuntoli per il portiere del Monza Di Gregorio.

La freddezza tra i due e la mancanza di rotta è finita a cascata addosso ai giocatori. I quali, quando ancora erano alle calcagna dell’Inter, si sono sentiti abbandonati, senza una guida, come se dovessero lottare da soli contro tutti. Una domanda frequente tra i leader dello spogliatoio è stata più o meno questa: «Come facciamo a lavorare se nessuno conosce cosa succederà a fine stagione?». Avevano capito che Allegri era finito su un binario morto e qualcuno, tra i calciatori, se n’è approfittato. Il girone di ritorno della squadra è stato da incubo. Tra i giornalisti l’affollatissima tribuna anti-Allegri ne ha approfittato per sparare a zero su di lui.

ilnapolista © riproduzione riservata