ilNapolista

L’entourage di Osimhen: “Victor è arrabbiato, voleva segnare contro la Juventus”

Osita Okolo a Radio Punto Nuovo: “Gattuso lo ha preso con sé come se fosse un padre. La maglietta mostrata dopo il gol? Sta provando ad usare la sua posizione mediatica per far luce sulla verità”

L’entourage di Osimhen: “Victor è arrabbiato, voleva segnare contro la Juventus”

Osita Okolo, membro dell’entourage di Victor Osimhen, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Punto Nuovo.

Victor non è contento per quello che è successo contro la Juventus, voleva giocare per segnare contro i bianconeri. Contro l’Atalanta, la squadra ha dimostrato di essere in grande forma, proprio come Victor, ma prima bisogna continuare a tenere alto il rendimento e giocare così, per sperare di vincere lo Scudetto. Victor è determinatissimo.

“Cosa mi ha detto Victor dopo l’Atalanta? Siamo rimasti tutti impressionati. Contro l’Atalanta è stato felicissimo di fare il suo primo gol con il Napoli. Certo, avrebbe voluto segnarlo contro la Juventus, ma è davvero contento e mi ha detto di aver coronato un sogno. Ma lo si vede, anche in campo. Adesso, Victor deve continuare a migliorare e dare il 100% in allenamento. E di questo passo, continuerà a restare impressionante e ad avere un impatto fondamentale nel rendimento del Napoli. Era carichissimo per affrontare la Juventus.

“Gattuso si sta rivelando importantissimo per Victor, anche fuori dal campo. Il mister lo ha preso con sé come se fosse un padre, una figura alla quale Victor sta guardando come punto di riferimento. Anche per ricevere un consiglio di vita, che c’entri poco con l’andare in gol o che altro legato al calcio. Victor è cresciuto senza una figura paterna, quindi si affeziona molto alle persone con un carattere come quello di Gattuso. Il mister ha una leadership fondamentale per la crescita di Victor, come giocatore e come persona.

“La maglietta mostrata dopo il gol con l’Atalanta? In Nigeria stanno andando avanti molte proteste contro la brutalità della polizia. Victor è un ragazzo molto legato alla propria terra e al proprio popolo. E’ un qualcosa con cui anche lui ha dovuto fare i conti da bambino, come molti ragazzi nigeriani. La polizia nel nostro Paese ha un potere smodato, e spesso dimostra di essere totalmente arbitraria nel togliere la vita ad una persona, anche se solamente sospettata. E’ un problema serio, che tanti calciatori nigeriani stanno provando a denunciare e Victor sta provando ad utilizzare la propria posizione mediatica per fare luce sulla verità”.

 

ilnapolista © riproduzione riservata