Le pagelle – Il trio delle meraviglie Higuain-Mertens-Callejon

Le pagelle di Napoli-Sampdoaria 2-0, a cura di Mimmo Carratelli e Ilaria Puglia RAFAEL 6,5 – Comincia con un doppio dribbling da urlo uscendo palla al piede contro due doriani. Salvato dalla traversa sul tiro di Gabbiadini e dal doppio palo di Sansone. Krsticic lanciato in solitudine lo evita, ma il brasiliano conclude fuori a porta vuota. È sicuro in ogni intervento domando le conclusioni di Gabbiadini, Eder e Obiang. Tempestiva uscita fuori area su Eder. E sempre sui piedi di Eder salva nell’area piccola nel recupero. Quel dribbling da urlo per me vale tutte le parate che ha fatto dopo. È stato un momento di follia bellissima. Anzi, di più – 7 MAGGIO 5,5 – Ha perso la bella corsa di un tempo. Poche volte va al cross (fuori misura). Deve impegnarsi molto sulla sua corsia dove agisce spesso Eder e viene avanti il terzino Regini. Ogni volta che lo guardo in campo così soffro. E non sta bene – 5 FERNANDEZ 6,5 – Elegante, pronto al lancio. Qualche difficoltà contro Eder che però blocca in area al 47’. Sicuro e senza errori. Pulitissimo. Io davvero ancora non ho capito se è un brocco oppure no – 6,5 ALBIOL 6,5 – Grande personalità. Avanza spesso palla al piede per innestare l’attacco. Dà l’idea della forza, per questo mi piace – 6,5 REVEILLERE 5 – Non è nelle migliori condizioni fisiche e soffre tremendamente contro Gabbiadini, il più pericoloso dei doriani. Esce nella ripresa. Non è stato poi così brutto, però – 6 ARMERO 6 – Entra al 49’ per Reveillere e conquista subito palla. Qualche dubbio per l’intervento in area su Regini (57’). Non copre Gabbiadini in occasione della traversa del blucerchiato. Si spinge in attacco con maggiore padronanza di Reveillere. Si è fatto i capelli come Zuzù… quanto mi manchi, Zuzù, quanto!? – 6 DZEMAILI 5,5 – Assente Behrami, gioca sulla destra. In difficoltà contro i centrocampisti della Samp più tonici. Sbaglia proiettandosi in attacco. Assente Behrami. Punto – 5 INLER 4,5 – Continua a deludere. Perde palla in attacco favorendo le ripartenze della Sampdoria. Perde palla anche in occasione del doppio palo di Sansone. Tenta il tiro una sola volta da fuori e manca il bersaglio. Un colpo di testa a lato su corner. Più presenti Palombo e Obiang nella sua zona. Vendiamolo. Ieri, però – 4 CALLEJON 7 – Inesauribile. Quattro conclusioni, una, spettacolare, col pallone di poco oltre l’incrocio dei pali più lontano. Al 3’ servito da Mertens si fa precedere da Da Costa che gli blocca il pallone tra i piedi. Avvia l’azione dell’1-0. Gli sfugge il gol in spaccata sull’assist di Higuain davanti alla porta di Da Costa. Esce all’84’ dopo avere dato tutto. Dopo aver dato tutto. Fino allo sfinimento. Adoro – 7,5 RADOSEVIC s.v. – Pochi minuti sostituendo Callejon. Veder uscire Callejon dà sempre dolore – s.v. MERTENS 8,5 – Incontenibile. Decide la gara con la sua prima “doppietta”. Da centravanti il primo gol, su punizione il raddoppio. Ha scatto, velocità, senso del gol. Entra in tutte le azioni offensive del Napoli. Ammonito per fallo su Soriano (si batte sempre con grinta). È il suo anno in vista del Mondiale in Brasile col Belgio. Infaticabile, inesauribile, “insfinibile”. Ha una grinta che da sola riempie l’intero rettangolo di gioco. Salta sempre l’uomo, è dappertutto, è intelligente, veloce, passionale, cerca la porta ed il gol. Dove si attacca lui c’è sempre. Come se in campo parlasse, ma col corpo. Io esco pazza per Dries – 10 INSIGNE 6 – Proprio non riesce a segnare. Due conclusioni fuori senza fortuna. Si batte con rabbia. Marcato da De Silvestri e raddoppiato spesso da Obiang. Col passare del tempo perde lucidità e dribbling. Il gol gli manca da morire per tornare ad essere Lorenzinho. A segnare in campionato proprio non ce la fa. Una benedizione come si deve, no? – 5 HIGUAIN 8 – Un grande attaccante su tutto il fronte offensivo. Salta l’avversario, dà profondità, appoggia ai compagni. Si sposta sulle fasce per aprire varchi al centro. Gli è mancato solo il gol (11’ miracolo di Da Costa). Serve magistralmente a Mertens la palla della prima rete. Ammonito per proteste. Esce tra gli applausi. Il passaggio a Mertens è stato splendido. E lui è bellissimo – 8 ZAPATA 5 – Entra per Higuain al 77’, guadagna un corner, si fa ammonire. Niente di rilevante.  Tene semp’ nu’ ddi’e’fisico – 6 BENITEZ 7 – Presenta un Napoli molto in palla dopo le feste. Gli mancano sempre Reina, Zuniga, Hamsik e Mesto. Propone Rafael tra i pali per la terza volta e con successo. Reveillere delude a sinistra e lo cambia con Armero nella ripresa. Gli manca Behrami a centrocampo dove però spesso la Samp perde palla in disimpegno. Rinuncia a Pandev e “muove” i tre ragazzi (Callejon, Mertens, Insigne) attorno a Higuian ottenendo una manovra offensiva di prim’ordine con tocchi volanti, grandi profondità e ripartenze micidiali. Ora l’attacco al secondo posto della Roma, due punti avanti. Alzi la mano chi non ha temuto il solito crollo post feste natalizie. Io no. Rafa mi fa stare bene. Sin prisa però sin pausa. A fuoco Roma – 8 MIMMO CARRATELLI e ILARIA PUGLIA

ilnapolista © riproduzione riservata