Argentina bunker
e Diego va dal dentista

Prosegue la campagna per motivare i giocatori di Diego Armando Maradona. Oltre allo slogan “Sogna, che puoi e potrai, sono stati affissi nei locali nei corridoi del centro altri manifesti con scritte quali “Fame di gloria”, “Sacrificio”, “Famiglia”. Ma non basta il tecnico argentino ha blindato gli allenamenti fino al 3 giugno. Grandi teloni verdi sono stati montati all’esterno del campo per impedirne la visuale. Un portavoce dell’Afa, la Federazione calcistica argentina, riferirà ogni giorno su quanto è avvenuto dentro il bunker da dove, per esempio, nella giornata di ieri è uscita una sola persona: Maradona, ma per recarsi da un dentista. La squadra, è stato riferito, ha giocato una partita di undici contro undici, ma a ruoli invertiti, tranne i portieri. Gli attaccanti hanno fatto i difensori e i difensori gli attaccanti, chi è bravo negli assist si è dedicato a intercettare il gioco avversario e viceversa. Ha giocato anche Maradona in un clima definito di “grande allegria”

ilnapolista © riproduzione riservata