Il mio lunedì da leone a Bari

Cari Napolisti, ecco il mio post-partita di Bari-Napoli, io tifoso azzurro che ha gioito alla promozione del Bari solo nella speranza di pregustare questo successo.
Il post-partita è iniziato su Facebook dove ho cercato, e trovato, il mio amico Davide, tifoso sfegatato de “la Bari”. Era collegato alla chat e allora l’ho salutato con un: “Ciao Davide … posso parlare?” e lui, secco: “NO!!”. A questo punto le parole sarebbe state comunque inutili allora gli ho dato appuntamento a stamattina, al bar, per offrirgli un caffè … “napoletano”. Inutile dire che ha incazzatamente rifiutato, però in realtà stamattina ci siamo visti lo stesso al bar. Si è avvicinato con un foglio che gli copriva la faccia e ha rifiutato il caffè: “ma solo perché l’ho appena preso”, mi ha detto. Ma pure il mio amico barista, Michele, mi ha guardato storto quando sono entrato e l’ho chiamato alla cassa: “Michele posso ordinare’”, “No!. Tu oggi non prendi niente”, eppure azzeccandogli il risultato di Inter-Milan qualche settimana fa gli ho fatto vincere un po’ di soldini, ma niente, nemmeno un poco di riconoscenza.
Purtroppo devo dire che la sconfitta è stata vissuta proprio male dai baresi che, nonostante la loro squadre avesse qualche uomo mancante, speravano che le assenze nel Napoli incidessero di più. Avevano fatto male i conti e hanno pagato lo scotto della poca umiltà.
Il lunedì poi si è completato con gli sfottò ai tanti milanisti e juventini presenti sul mio posto di lavoro, perché, pur vivendo e lavorando a Bari, i tifosi delle squadre nordiche sono sempre di più di quelli baresi, a volte poi si riciclano, specie quando il Bari riesce a vincere qualche partita.
Insomma, un lunedì molto più da leone di quello che mi aspettavo.

Giovanni Palantra

ilnapolista © riproduzione riservata