Sorpresa Iezzo
è a un passo dal rinnovo

Lazio-Napoli, d’accordo, e in mezzo il futuro: dopo Lavezzi e Gargano, e in attesa di Cannavaro, Grava e Hamsik, dietro l’angolo azzurro c’è il rinnovo di un altro contratto in scadenza a giugno: quello di Gennaro lezzo. In barba alle voci di addio circolate nelle ultime settimane. Lafirma E allora, il racconto. Bello come un romanzo, perché il portiere di Castellammare di Stabia, titolare in panchina alle spalle del titolare De Sanctis, è pronto a proseguire la sua storia d’amore con il Napoli. Lunga, datata serie C: ovvero, stagione 2005-2006. All’epoca era il portiere del Cagliari, squadra di serie A, ma pur di abbracciare l’azzurro decise di scendere di categoria. Doppio passo del gambero e nuova scalata. Oggi è qui, a sperare nell’Europa insieme con i compagni, e come tutti ha voglia di vivere l’esperienza da protagonista: il suo manager, Luca Urbani, è atteso a Castelvolturno per suggellare un patto già esistente. Poi, la firma in calce e l’accordo per un’altra stagione. I prossimi saranno capitan Cannavaro e Grava, colossi di una difesa di colossi: per loro c’è la parola del presidente. E, si sa, De Laurentiis è uno che rispetta sempre gli impegni. Il ritiro Nel frattempo, Mazzarri studia e programma il futuro: il tecnico toscano, infatti, ha inviato un uomo a visionare Brusson, in Valle d’Aosta, sede prediletta per il ritiro estivo. Luogo conosciuto a menadito, dall’allenatore azzurro, che da quelle parti ha lavorato con la Reggina. Sarebbe un ritomo, per il Napoli, frequentatore di Brusson con Zeman e De Canio: l’emissario azzurro ha parlato con il sindaco di questa località di 800 abitanti a 1.332 metri sul livello del mare, e ha anche visionato l’Hotel Du Foyer, una sorta di mega baita al centro del pianoro di Vollon. Un’oasi di pace. Perfettamente attrezzata per lo sport: campo di calcio regolamentare, spogliatoi, sala massaggi e palestra sono il contomo. La formazione II futuro e poi il presente. Che si chiama Lazio-Napoli. Ieri, Mazzarri ha provato ancora la difesa Grava, Cannavaro e Campagnaro, con Zuniga a sinistra in mediana. In pratica, la formazione iniziale delle vittorie con Juve e Catania. La sorpresa potrebbe essere la prima convocazione di Fabiano Santacroce: il talento di Bahia è ormai recuperato. Per cancellare la jella non resta che iniziare una nuova avventura

ilnapolista © riproduzione riservata