San Paolo stadio modello
sì, ma del futuro

“Quando ho visto il rendering del san Paolo che esplode al centro della città, e il Vesuvio sullo sfondo, ho avuto l’esatta percezione di quello che sarà lo stadio di Fuorigrotta: un nuovo vulcano per Napoli”. A parlare è Dario Boldoni, esperto di impiantistica sportiva e molto vicino alla vicenda della ristrutturazione del San Paolo. Lo ha intervistato Paolo Barbuto sul Mattino in relazione ad un aricolo che la rivista Panstadia, bibbia americana del settore, ha dedicato all’impianto di Fuorigrotta utilizzandolo come simbolo della candidatura dell’Italia agli Europei 2016. Per avere la certezza che da ogni posto si possa godere la miglior visuale possibile sono stati utilizzati software di ricostruzione in 3D. Stadio nel cuore dei tifosi e nel centro della città. Copertura capace di catturare i raggi del sole e assicurare l’energia elettrica in modo autosufficiente;  63.500 posti tutti a sedere, via la pista di atletica e il terzo anello, skybox, salottini esclusivi, parcheggi e una segnaletica esclusiva nei pressi dell’impianto.

ilnapolista © riproduzione riservata