Reja: bravo Mazzarri
ma l’impostazione è mia

Parli di Lazio e spunta sempre il Napoli nelle parole di Edy Reja alla vigilia del match con gli azzurri. Onore a Mazzarri, ma sembra che parli di un derby contro se stesso: “L’impostazione del Napoli sembra non esser cambiata molto – riporta il sito lazialità – Poi ogni allenatore ha la sua mano però il retaggio è più o meno quello, ci sono stati degli innesti importanti tipo Quaglierella, Maggio e Campagnaro. Con Mazzarri è cambiata sostanzialmente la posizione di Hamsik ma credo di non andare lontano dal vero se dico che più o meno ci siamo”. Lavezzi centravanti con Hamsik e Quagliarella a supporto una trovata di Mazzarri? Mica tanto: Lavezzi lo avevo schierato anch’io più avanzato per fare in modo che Zalayeta tornasse a dare una mano in mezzo al campo, lui non è una punta vera e propria, spazia per favorire gli inserimenti di Hamsik e Quagliarella. Hamsik è un giocatore fondamentale, dalle grandi qualità, noi abbiamo preparato le contromosse poi in settimana si è lavorato proprio per cercare di arginare tali pericoli, vedremo se quello che abbiamo fatto sarà efficace”. Lavezzi pericolo pubblico: “dopo l’infortunio si è ripreso, speriamo di fermarlo domani”. E la lettera? “Ho dato l’autorizzazione per scrivere due parole ed indirizzarle a tutti coloro che ancora mi cercano e mi ringraziano. Come ho già detto sono ancora molto legato alla società e mi sembrava giusto fare questo”. Nessun  dubbio, è proprio la partita del cuore:  “Lo sapete, se ne è parlato tanto in questa settimana, i miei ricordi legati al Napoli sono sicuramente importanti, ma ora bisogna pensare a questa gara per noi molto importante”

ilnapolista © riproduzione riservata