E Mazzarri mi disse:
“Tesserato tu sei pazzo”

Questa trasferta è stata condita da una immensa piacevole ed inaspettata sorpresa. Non eravamo i soli a scegliere l’hotel villa Romanazzi Carducci, ma eravamo in buona compagnia.  Con noi la SSC Napoli al completo, praticamente era l’albergo del ritiro del Napoli. Vi lascio immaginare la mia ragazza alla vista della prima tuta azzurra Macron. Io cercavo di nascondere l’emozione ma credetemi dentro me quando ho incrociato mister Mazzarri non potevo crederci. Il cuore in gola. Per prima cosa ovviamente gli ho chiesto l’autografo e dopo averlo ringraziato per quello che aveva fatto fin ora, gli ho raccontato il piccolo aneddoto della scheda del tifoso: “Mister ma è possibile che per seguirvi in trasferta devo farmi la tessera del tifoso dell’Inter” lui alquanto meravigliato mi sorride e fa: “Sei matto…”.

Fortunatamente ho incontrato tutto il resto dell’equipe azzurra con cui io e la mia girl abbiamo scambiato veloci battute. Tutti si sono mostrati molto gentili e simpatici anche il febbricitante Cigarini. Ma passiamo allo stadio.  Partiamo dall’hotel dieci minuti dopo la partenza dell’autobus del Napoli, arriviamo dopo dieci minuti. Non c’è  traffico. Ad aspettarci il grande parcheggio a pagamento della tribuna ovest.  Ci avviciniamo al primo varco: mostro il biglietto e ovviamente lo steward mi dice:  “Guarda sei residente in Campania non puoi entrare”. Marò ho pensato, mo’ devo mettermi a fare la solita cantilena. Avevo con me la tessera del tifoso e l’ordinanza del Viminale stampata. Gliela mostro ma non basta; allora chiedo di parlare con un responsabile della Digos, vengo accontentato, iniziano i consulti via vhf. Li vedevo tutti imbarazzati qualcuno diceva “nooo non può entrare, è napoletano;  qualcun altro: sì, però, l’ordinanza. Ed in radio ascolto chissà chi dire: “NO E’ VIETATO. NOI AS BARI NON SIAMO ABILITATI ACCOMPAGNATELO FUORI”. Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa nun c’agg vist kiu. Restando nell’educazione mi sono fatto portate dal responsabile capo della digos, facendo la passerella io e la mia ragazza per i meandri del San Nicola dove ho anche incontrato e salutato Gifuni che mi ha lanciato un’occhiata meravigliata come a dire: “chist pur ca sta o che ci fa qua”…. Ihihih.  Arriviamo dal commissario ed indovinate? Dopo un po’ partorisce la decisione: HO RAGIONE posso entrare. Non immaginate poi la faccia di quello che prima aveva detto ASSOLUTAMENTE NON PUOI ENTRARE. Lo guardo negli occhi e gli dico “grazie mille e FORZA NAPOLI”. Finalmente prendo posto, tribuna ovest superiore, dopo un po’ il Napoli entra in campo e dalla mia destra da qualche fila più in la, parte un applauso da  uno sparuto gruppo di persone tra cui maradona jr (i soliti fortunati amici degli amici del Napoli che hanno i biglietti omaggio dalla Ssc Napoli e non fanno le mie tarantelle per entrare: 40 euro a persona per me, gratis per loro ma l’amore non ha prezzo) allora mi dico: non sono solo eravamo max una trentina. Inizia la partita, si vede da subito che il Napoli ha il pallino del gioco e più voglia di vincere rispetto al Bari. Finalmente il Pocho ricorda che in Argentina era fortissimo dai tiri da fuori aerea e la mette nel sette alla destra di Gillet, proprio sotto il nostro settore parte il boato e parte anche lo schifo da parte del pubblico barese: sputi improperi e minacce VERGOGNA. Pensate eravamo quasi tutte coppie di fidanzati o addirittura padri con bambine. Finisce il primo tempo, veniamo guardati in modo cagnesco da molti gentiluomini pugliesi e decidiamo che la cosa migliore da fare e disperdersi e cambiare posizione. Al 2 goal del pocho molti di noi hanno soffocato l’urlo in gola altri hanno sceneggiato un NOOOOOOOOOOOOOOOOO colmo di gioia. Il Bari segna, si rianimano. Noi con la paura di subire l’ennesima rimonta ma questa volta i ragazzi tengono duro e portano a casa i 3 punti come avevo chiesto in mattinata al Pocho. Ora torniamo a sognare quel posto che meritiamo NOI CIABBIAMO SEMPRE CREDUTO.  Prepariamo la prossima gara casalinga col Cagliari ma con in mano già i biglietti aerei per Verona.  Se il Napoli poi volesse assumerci come portafortuna mi possono anche dire l’hotel del prossimo ritiro ci vado e pago tutto a spese mie biglietti partita compreso. Magari potesse servire per raggiungere quell’ambito sogno.

<strong>Da Bari…. Il tesserato</strong>

ilnapolista © riproduzione riservata