Bruxelles, birra per il Napoli

“How many beers can you drink?”
…mamma mia, come è difficile competere con inglesi, olandesi, belgi, tedeschi ecc. sul numero di birre che si possono bere durante una partita!!!
Vivo a Bruxelles da due anni e mezzo, ovviamente per lavoro.  Tralasciando il tempo perennemente grigio che ti trasmette una voglia di scappare infinita (!)…la città è carina, la vita è molto semplice, in ufficio posso andare in bici, gli orari sono accettabili e l’ambiente lavorativo (una grande aziende nel settore dell’energia) è molto internazionale, ragazzi molto giovani di ogni parte d’ Europa e del mondo.
L’unico problema è che poi arriva la domenica, e da 29 anni a questa parte il Napoli è il momento fondamentale di tutti i miei week end.
Seguire il Napoli a Bruxelles non è semplicissimo, a dir la verità di napoletani se ne trovano molti in giro, ma locali o ristoranti che trasmettano il Napoli nemmeno a parlarne. Internet non fa per me, perchè il Napoli è calore e passione, e quindi stadio o tv con altri tifosi come me. Appena arrivato, quindi, non mi sono dato per vinto e ho incominciato una approfondita ricerca su internet su qualche pub che desse calcio italiano se non tutte le domeniche almeno di tanto in tanto…Meglio di niente, no?
Un po’ di google et voilà! Obiettivo raggiunto, ho trovato un pub irlandese con decine di schermi che ogni week end trasmette calcio inglese, spagnolo, tedesco e italiano…Ecco però l’ostacolo di non semplice soluzione: il tipo del pub ha un semplice obiettivo in testa, il business, meglio se nel brevissimo periodo. Quindi nonostante con costanza e pazienza andassi tutte le domeniche al pub pregando il proprietario del pub di farmi vedere il Napoli anche se in una piccolissima tv, la domanda era sempre la stessa: “how many beers can you drink?” E alla mia risposta bella tosta, “2 maybe 3 pints!!!”….niente Napoli, niente tv, niente di niente….inglesi, olandesi e tedeschi possono berne tranquillamente 4 – 5 – 6….
Allora, incomincio ad organizzarmi e trascino letteralmente alcuni colleghi a vedere il Napoli, immaginate quindi ragazzi spagnoli, romeni, bulgari e ungheresi che tutto d’un tratto si ritrovano ad essere i primi tifosi della mia squadra del cuore. Il massimo!!
D’improvviso qualcosa cambia: il co-titolare neozelandese del pub, che noi affettuosamente chiamiamo “o’ brizzolat”, capisce quanto tengo – teniamo al Napoli e comincia a trasmettere saltuariamente il Napoli, anche se non su canali italiani, ma arabi, albanesi, inglesi (poco male). Ma soprattutto incomincia di tanto in tanto a metterla sul sito internet come partita in programma! Il gioco è fatto, chi la dura la vince!
A questo punto è tutto in discesa, il sito del pub viene visto da altri napoletani, che vengono al pub per vedere le partite, così i miei colleghi non sono più “costretti” a venire la domenica a fare numero e a bere birre, anche se ormai senza accorgersene sono diventati tifosi del Napoli.
Il passo seguente è stata la creazione di un gruppo su Facebook, SSC Napoli Club Bruxelles, che ha portato a unirci sempre di più e a creare ormai uno zoccolo duro di 10–15 persone che sono sempre presenti alle partite (anche se in quelle di cartello arriviamo ad essere anche 25–30 ultras). Il Napoli ormai è sempre nella programmazione, con un po’ di dispiacere della mia ragazza che è costretta tutti i week end che viene a trovarmi a passare 2 ore nel mitico pub! Compreso San Valentino…Che bello passare San Valentino con i due amori della tua vita mangiando un bel irish burger…plain and simple!!!
Ora siamo in fase di discussione perchè vorremmo trasformare il nostro amore per il Napoli in un fan club ufficiale.
Spero di aggiornarvi presto sui nostri risultati.
Saluti da Bruxelles
<strong>Angelo Andretta </strong>

ilnapolista © riproduzione riservata