La partita dei tifosi
vale 250milioni di euro

Quanti tifosi hai? Il Napoli dice sei milioni nel mondo, e sta facendo valere il loro peso nelle riunioni di Lega. Il piatto è ricco, 250milioni di euro di diritti televisivi che, secondo la Legge Melandri, dovranno essere redistribuiti collettivamente. Come? Il 40% in parti uguali, il 30% secondo la storia, ed il restante 30% per bacino d’utenza. A sua volta il bacino d’utenza è diviso in un 5% attribuito in base al numero degli abitanti ed il 25% per il numero dei tifosi.  Facendo due conti in tasca al Napoli, 5 milioni arriveranno dalla divisione in parti uguali. Due scudetti, una coppa Uefa, tre coppe Italia, una coppa delle alpi, un trofeo anglo-italiano e una sessantina di campionati di serie A non sono tantissimi per competere a una grande fetta dei 75 milioni che arriveranno dalla storia. Ma un milione di abitanti ne fanno dopo Roma e Milano la terza città d’Italia. E il numero dei tifosi come si calcola? E’ su questo che le società stanno litigando, dibattito rilanciato dal orriere della Sera di oggi. Le cinque grandi, Milan, Juve, Inter, Roma e Napoli contro il resto d’Italia. E qui non c’è Lega (intesa come Padania) che tenga. Il numero è più importante del pil. Il cuore vale più del portafoglio. Le venti società di Lega (intesa come calcio) che si ritroveranno a breve, non si fidano. Le società (intese come aziende) che dovrebbero valutare il numero di tifosi sono tante, ma secondo quale metro? E poi quanti conflitti di interessi ci saranno per individuare chi dovrà lavorare per valutare il tifoso in più o in meno? E un tifoso vale quanto un appassionato distratto? La partita è aperta. Il Napoli parte da un dato certo: 6.000.0000. Gli altri vedremo.

ilnapolista © riproduzione riservata