Cocktail Hamsik
Talento, gol e disciplina

Del giovane talento oltre ad avere i numeri ha anche la personalità. In campo predilige la qualità, quel muoversi elegante ma deciso, che gli permette di essere l’unico giocatore ad aver superato i 1.500 minuti giocati (ne ha sommati 2.958, finora) senza aver subito ammonizioni in questa stagione. E pensare che Marek Hamsik non ha mai saltato una partita, che vanta 32 presenze e 11 gol che lo tengono in testa alla classifica dei cannonieri del Napoli. Insomma, si tratta di cifre importanti, che evidenziano la statura di questo ragazzo umile e dal futuro già scritto.
Paragoni Su di lui ci sono puntati gli occhi di mezza Europa, club italiani compresi. In tanti vorrebbero assicurarsi il talento di questo giovane che è anche il simbolo della sua nazionale, la Slovacchia, con la quale affronterà l’Italia nella prima fase del Mondiale sudafricano. I paragoni si sprecano per magnificarne le doti. C’è chi lo ha avvicinato a Steven Gerrard, il capitano del Liverpool, o chi l’ha paragonato a Frank Lampard, il campione del Chelsea. Ma Hamsik s’è sempre sentito se stesso. E nemmeno le continue voci di mercato l’hanno mai distratto dal suo amore per Napoli ed il Napoli.
Leader L’equivalente di un campione vero, insomma, che in campo veste i panni di leader anche se il ruolo gli comporta un peso maggiore di responsabilità. Ma è dai suoi gesti tecnici che cresce la storia del Napoli. Quella degli ultimi anni, ovviamente, che l’hanno visto protagonista insieme con Ezequiel Lavezzi. Su loro due Aurelio De Laurentiis ha fondato quel progetto che quest’anno potrebbe veder realizzata la parte più significativa: il ritorno in Europa. Il Napoli si sta proponendo nelle posizioni alte della classifica proprio perché crede in questo obiettivo.
Napoli per sempre È dal risultato di quest’anno che andrà a quantificarsi l’impegno del presidente sul mercato per la prossima stagione. Il club ha la necessità di rinforzare l’organico anche se dovesse arrivare soltanto in Europa League. La Champions, invece, richiederebbe uno sforzo maggiore ma, soprattutto, degli investimenti mirati. Ed è guardando oltre il presente che De Laurentiis ha sistemato alcuni contratti importanti, tra cui proprio quello di Marek Hamsik. A metà dello scorso mese di marzo, il suo procuratore, Jurelaj Venglos, ha incontrato Riccardo Bigon, a Castelvolturno, per definire gli ultimi dettagli legati ai diritti d’immagine prima della firma. Le parti hanno raggiunto l’accordo, ma dall’esterno c’è chi sta pressando.
Quaranta milioni Non è una novità che l’Inter sia interessata al giocatore. Mourinho non ha mai nascosto il suo apprezzamento per Hamsik così come pure il presidente, Massimo Moratti. Nella scorsa estate s’era anche parlato della Juve, ma si trattò di voci, nulla di più. De Laurentiis, in ogni modo, non ha alcuna intenzione di privarsi del ragazzo. Ha già detto che per venderlo si dovrà partire da una base di almeno 40 milioni di euro. Ma chi lo conosce sa bene che quel giovane dal talento facile e dallo sguardo allegro, l’ha rapito. Definitivamente
<strong>Mimmo Malfitano (Tratto da La Gazzetta dello sport) </strong>

ilnapolista © riproduzione riservata