Il sogno Marassi
Con un po’ di cazzimma

Parola d’ordine: cazzimma. Dopo Mazzarri  è la volta di capitan Cannavaro invocarla, che domenica ritornerà titolare al centro della difesa dopo il turno di squalifica. Ma c’è anche quella voglia di guardare un po’ più in là all’ultima di campionato, ad un’altra Marassi. Ricordate? Quella della promozione in serie A, con i gemellati genoani. Ora ci saranno i blucerchiati, dove il cielo in questo momento sembra più blu. Ma il capitano vuole tingere Marassi proprio d’azzurro:  “Mi piacerebbe vivere un’altra giornata memorabile nello stadio ligure. Non sarebbe male. Ma domenica non non sarà facile. Finora è stata una bestia nera, non pensiamo ai risultati passati, abbiamo più motivazioni di loro, ma questo sarebbe un errore. Abbiamo giocato da squadra. Faccio anche i complimenti a Santacroce. Ora continuiamo così: non sottovalutiamo l’avversario. E’ fondamentale”. Assieme ad un’altra qualità: “E’ necessaria la cazzimma che chiede Mazzarri. Ovvero, un misto tra cattiveria e furbizia. Mi dispiace solo che i nostri tifosi non possano seguirci in trasferta. Non siamo la pattumiera d’Italia”.  Poi il rinnovo e il capitano svela: “In settimana ci sarà un incontro per il rinnovo del contratto. Io voglio restare a lungo, magari partendo dalla Champions: “Che bello:  ieri ho visto Inter-Barcellona, uno spettacolo. Giocarci con il Napoli sarebbe il massimo. Non perdiamo le speranze”.

ilnapolista © riproduzione riservata