Bari-Napoli, il divieto
pronto ad essere aggirato

Il Casms ha emesso la sua sentenza. Bari-Napoli sarà vietata ai tifosi napoletani. Ma, fatta la legge trovato l’inganno, i tifosi napoletani hanno dimostrato in più di un’occasione di essere presenti anche negli stadi dove non sono bene accetti. Saper seguire civilmente tra la folla le gesta della squadra di Mazzarri e spesso esultare anche, ma con la sensibilità (e il timore) dovuto. Al cuor non si comanda. E così a Roma erano in settecento, a Milano un migliaio e finanche a Bergamo hanno occupato un settore della tribuna. Dice Carlo Longhi, l’ex fischietto componente del Casms: "Non è una punizione per i tifosi, l’Osservatorio tiene conto delle informazioni che vengono riportate dai Questori delle due città". Tra baresi e napoletani non corre buon sangue, ma forse sarebbe ora di cominciare un’opera di cultura dello stadio oltre alla semplice repressione. Le scorribande di Udine insegnano. Delinquenti comunque in azione che la partita fosse vietata o meno.

ilnapolista © riproduzione riservata