Succede solo al Napoli, o magari no: Psg, Juve e Chelsea, i “problemi” ai massimi livelli

I casi Verratti, Dani Alves e Conte spiegano che tutto il calcio è paese, mentre Napoli continua ad autoflagellarsi sul caso Reina.

Succede solo al Napoli, o magari no: Psg, Juve e Chelsea, i “problemi” ai massimi livelli

Tutti i club

Qualche tempo fa, sul Napolista scrivemmo di come le bufere che sembrano attraversare il Napoli siano in realtà millesimali rispetto a quanto accade altrove. Allora si parlava di Serie A, oggi si può estendere il discorso a tutta l’Europa del calcio.

Quando scriviamo tutta, operiamo una categorizzazione duplice: geografica, certo. Ma anche se non soprattutto economica. Lo diciamo chiaramente: oggi, 18 giugno 2017, qualsiasi club in Europa ha grane da risolvere. Dissidi interni, operazioni di mercato clamorose, situazioni che sono un crossover tra gli uni e le altre. Insomma, mentre Napoli si autoflagella (come al solito, quanto ci piace l’autolesionismo) sulla querelle-Reina, il mondo del calcio importante, quello grande, quello dei top club, non riesce a risolvere alcune dubbi grandi quanto un grattacielo della 5th Avenue.

Chiariamoci: la vicenda Reina è stata gestita in maniera non proprio limpidissima, ma non è questo il punto. Il punto è che il Napoli e i suoi tifosi non possono abbrustolirsi in e per questo piccolo, piccolissimo caso. O per un calciomercato che non c’è (ma chi dovrebbe arrivare, Modric?). I casi del Napoli hanno un piccolissimo spazio sulla griglia. Il resto è occupato da situazioni ben più grandi, ben più scabrose. Ben più importanti, per protagonisti e possibili ripercussioni.

I tre livelli

Se intendiamo il Napoli come società up rispetto al Milan, tacciamo di Donnarumma. Anche se ci sarebbe da dire, soprattutto in relazione al concetto di “clausola rescissoria etica e utile” fissato oggi da Fassone sulla Gazzetta dello Sport. Andiamo oltre, saliamo di livello. E parliamo di Psg, Juventus e Chelsea.

Tre livelli progettuali diversi, tre top club con caratteristiche differenti. Il progetto-sceicco del Psg (attaccato dai giornali francesi al primo intoppo interno e alla comparizione di un contender reale) non riesce a trattenere in Francia Marco Verratti. Che, come un Diawara o un Maksimovic qualsiasi, minaccia il suo club di non tornare a Parigi. Pur di unirsi al Barcellona.

Saliamo ancora: la Juventus. Ossessione di tutti i napoletani, splendido, perfetto e giustissimo esempio di gestione virtuosa. Lo sono, non stiamo perculando. Non si vincono sei scudetti di fila per caso, come non si arriva a due finali di Champions in due anni. Però, come dire: basta leggere Repubblica oggi, per rendersene conto. Basta sapere di Dani Alves, che – notizia di oggi – spiega che la lontananza dalle famiglie a Cardiff è stata decisiva, per i bianconeri. In negativo, ovviamente.

Legato al discorso bianconero, ecco il Chelsea. Che ha vinto la Premier a fine aprile, aveva tutto il modo e tutto il tempo di programmare il suo futuro. Eppure ha avuto problemi con Conte, strombazzati sulla stampa italiana e poi sbarcati anche sui tabloid inglesi. Ha offerto 68 milioni di euro per Alex Sandro, proprio lui, punta Bonucci e Bakayoko. Per convincere Conte, come scrive anche il Guardian, sono state necessarie certe rassicurazioni su un certo mercato e 9.6 milioni di sterline l’anno. E poi c’è il centravanti titolare, Diego Costa, sbolognato con un sms. Altro che cene da D’Angelo con battutine sparse.

Sorridere

Il Napoli non è perfetto. Ma è l’auto-etichetta dei tifosi azzurri a essere fuori fuoco, fuori contesti. A farci sorridere. “Succedono solo da noi, ‘ste cose”. Ecco, non è vero. Non lo è per niente. Succedono dovunque, dove gli sceicchi o gli Agnelli o gli oligarchi russi mettono i soldi. Succedono dove meno te lo aspetti, a dimensioni talmente lontane da noi che non possiamo nemmeno immaginare le cifre e gli interessi dietro un calciatore, un rinnovo, una cessione.

Basti pensare che il Real Madrid, squadra da 16 giorni bi-campione d’Europa, campione di Spagna e del Mondo, è sulle spine perché non riesce a bloccare Cristiano Ronaldo.

Il calcio è un luogo ideale in cui comandano i calciatori, che a loro volta non fanno valere altro che i propri interessi. Ce l’ha spiegato Fassone questa mattina, ce lo raccontano tutti i giorni tutte le varie notizie. Il Napoli ha fatto la sua parte, quest’anno, chiudendo due rinnovi molto complicati. Ora sta iniziando a pensare ad altro, non ha effettivamente acquistato nessuno ma ha un progetto tattico e tecnico definito, già avviato, consolidato. Non piangiamoci addosso, un anno dopo Higuain questo è niente. Rispetto a quanto succede altrove, un altrove decisamente più grande di noi, questo è meno di niente.

Napolista ilnapolista © riproduzione riservata
TERMINI E CONDIZIONI
  • Rosario

    Caro Napolista, ma ci vuole tanto a capire?

    Soprattutto tu, caro Napolista, che leggi quotidianamente i commenti ai tuoi articoli (o li conti soltanto?), dovresti sapere che la stragrande maggioranza dei tifosi ha ben presente la situazione economico/societaria del Napoli e – sotto altro profilo – le dinamiche del calciomercato.

    Qua quasi nessuno si lamenta, e se lo fa lo fa argomentando…. E siamo in gran parte consapevoli che la campagna acquisti – LA campagna acquisti – é stata fatta l’anno scorso, che Sarri si é inventato un fuoriclasse nel corso del campionato (Mertens) e che quest’anno bastano pochi ritocchi.

    Detto questo, siamo liberi di commentare le scelte aziendali che non condividiamo? Ad esempio, questa pantomina su Reina puó essere stigmatizzata o no?
    Io sono tra coloro che ritengono Reina non piú all’altezza di una squadra come quella che sta diventando il Napoli, e mi pare di capire che DeLa la pensi cosí.
    Ora posso capire che la Juve abbia rotto le uova nel paniere con il portiere polacco dal nome inscrivibile, ma possibile che una societá come il Napoli non abbia un piano B?

    Gli innesti sulle ali non cambieranno sostanzialmente la qualitá della squadra, ma in mano a Sarri chissá, potrebbero rivelarsi dei crack…. stiamo parlando di meno di 20 milioni di investimento e ingaggi contenuti. Li vogliamo acquistare o no, o aspettiamo che qualcuno si inserisca?

    Cioé, se DeLa é in America non si firma un contratto? Una societá con un fatturato di 300 milioni….

    Il Presidente é stato finora quasi perfetto nel garantire la crescita dle Napoli e la sostenibilitá di lungo periodo….. ora é arrivato il momento che si attivi per rimuovere il quasi…..

    • Fabio Milone

      La pantomima su Reina la state facendo tu e parecchi media.
      Noi non sappiamo nulla di come stanno le cose, ma, a seconda di come la si pensi sulle qualita’ del giocatore ecco che si creano le guerre puniche, ognuno a tirare acqua al proprio mulino.
      Stiamo sereni e tranquilli, ormai dovrebbe essere chiaro che Giuntoli e Sarri sanno cosa e come fare.

      • Giulio Ceraldi

        Grande, Fabio Milone.

      • Me

        Veramente la pantomima è nata nel momento della pubblicazione di post su Twitter di Pepe e relativa mugliera. Ora, per quanto gesto odioso (i panni sporchi si lavano in famiglia), dubito sia stato partorito da embolo familiare, quindi mi viene da pensare che qualcosina di non proprio pulito il presidente l’abbia fatto. Magari sarebbe successo lo stesso, ma a memoria la stampa ha cominciato a scatenarsi su questa faccenda dopo i fatti che ho descritto. Inoltre il fuoco è stato poi ulteriormente alimentato dalle dichiarazioni su presunti acquisti di portieri ventisettenni.

        Detto ciò, di chi è davvero la colpa? Forse non lo sapremo mai, ma è troppo chiedere che il padrone del vapore eviti certe frecciatine sulle frequentazioni dei propri calciatori, sulla loro panza, ed altre simili che non solo non fanno del bene alla squadra, ma anzi alimentano il sentimento anti-napoletano della stampa italiana, dandogli ancora più armi per colpirci? Gli si riconoscono tutti i meriti imprenditoriali, per carità, ma se magari chiudesse finalmente la bocca farebbe del bene prima di tutto a sé stesso. È possibile dirlo senza che qualcuno urli alla lesa maestà? Lo spero.

        • artemisia

          gianni agnelli etichettò boniek “bello di notte”..moratti fece pedinare vieri..le sparate di berlusconi su giocatori ed allenatori hanno fatto storia..si desume che almeno è in buona compagnia!

          • Me

            Per carità, è in buona compagnia, chi dice il contrario, ma proprio perché ne apprezzo tanto le capacità imprenditoriali provo ancora più fastidio quando rovina parte del lavoro con queste sparate…

          • Rosario

            Hai ragione, non é l’unico.. ma possiamo dire che forse supera gli altri in quanto a INtempestivitá?

        • Giacomo Molea

          Quindi Giudain e’ andato via xche OFFESO da ADL x la panza? la vogliamo finire?

          • Me

            Comprensione del testo si comincia a studiare dalle medie, eh. Dire che Higuain ha la panza o che Pepe si diverte con le altre femmine porta qualcosa alla squadra? No. Toglie qualcosa? Si, in questo caso quantomeno la serenità dell’unico portiere decente che abbiamo in rosa. Era necessario farlo? No. Quindi di cosa vorresti discutere? Boh, lo sai tu.

          • alfonso

            Se sei in piena lotta scudetto e il tuo centravanti non si allena bene o mangia troppo, lo devi richiamare all’ordine, anche pubblicamente se occorre. Soprattutto se il soggetto in questione ha una certa inclinazione alla bella vita e la tendenza fisica ad ingrassare.

          • Me

            Ma anche no, vale quello che vale per qualsiasi altro lavoro, non è che chi ti paga ti può insultare, che sia in pubblico o in privato. Considerando poi che così facendo ti fai pure un danno, mi sembra un comportamento autolesionista oltre che sbagliato.

          • alfonso

            Ma vedi che non l’ha insultato, ha detto che si stava ingrassando e perciò rendeva meno. Era vero.

          • Me

            Ma non significa niente, certe cose si dicono in privato, e chi non lo capisce non ha mai lavorato sotto un responsabile, stop. Il mio responsabile può dirmi quello che vuole, in privato, se lo fa in pubblico è un uomo di me**a, perché si approfitta della propria autorità per esprimere le proprie idee che sono da sottoporre prima di tutto a contenzioso tra me e lui, che siano vere o meno. Magari ho la pancia perché ho un problema metabolico, il mio capo è autorizzato a metterlo in pubblico solo perché mi paga? NO, non scherzate, questo è quantomeno vergognoso. E poi, cosa ci ha guadagnato De Laurentis a dire certe cose? Niente, si è fatto schifare da Higuain e fratello, che poi, a ragione o a torto, gliel’hanno fatta pagare mesi dopo. Cosa ci ha guadagnato a pigliare per il sedere Pepe e la moglie? Niente, ora grazie a lui abbiamo come portieri sicuri Rafael e Sepe e Reina lo achifa. È un suo diritto sfottere i propri dipendenti? Ma smettelela di ripeterlo, ovvio che assolutamente NO, ma anche lo fosse, è di sicuro una cosa stupida perché ci perde la squadra, e chi lo difende o ha 15 anni o è convinto che possedere un’azienda vuol dire possedere chi ci lavora e potergli fate ciò che vuole, il che lo rende un poveraccio.

        • Raffaele Sannino

          Ma il tweet era rivolto ad Aurelio?Ne sei sicuro al 100%?

          • Me

            Ok, mettiamo che il tweet di Reina fosse generico, ma la moglie che dice “Quando chi governa perde la vergogna, gli obbedienti perdono il rispetto” a chi poteva mai riferirsi, chi è che governa nel Napoli? O ce l’avevano con De Laurentis o al massimo, tirando per il bavero, Sarri, chi è più credibile come bersaglio? Mi pare ovvio.

          • Raffaele Sannino

            Ovvio per te,forse.Avesse scritto:”quando il tuo datore di lavoro perde la…..” avrei potuto darti ragione.Per quanto mi riguarda,chi governa la signora Reina è il primo ministro spagnolo.Tra l’altro anche la mia è una forzatura,perché non si riferisce a chi la governa come cittadina spagnola.Potrebbe riferirsi ad un qualsiasi capo di governo nel mondo che ha agito in modo vergognoso.Tieni presente che twitter copre tutto il pianeta,poi se vogliamo sempre ridurre tutto al nostro orticello…..

          • Me

            Mamma mia quanto siete bravi a difendere senza motivo gente che non ha bisogno di essere difesa da voi… Cari Giancarlo e Raffaele, ciò che è successo è evidente a tutti tranne a chi non vuole capire, e nascondere la testa sotto la sabbia dopo decine di evidenze di certi comportamenti evidenzia solo la cecità di certe persone. Poi ognuno la pensi come gli pare, c’è pure chi crede in babbo Natale, e chi sono io per contraddirlo.

          • giancarlo percuoco

            forse ce l’aveva anche lei con Renzi.

      • Rosario

        Pantomina: Azione scenica muta, caratterizzata da una successione di gesti e di atteggiamenti, o anche da una danza più o meno sfrenata, a carattere farsesco.

        Non penso la mia sia una pantomina, ho scritto e provato ad argomentare.
        Forse non sono stato chiaro, provo a precisare e ad argomentare meglio.

        Se la societá ha deciso che Reina non é all’altezza, si agisce di conseguenza… a prescindere dalla scena della cena di fine stagione della quale mi importa un fico secco, io mi voglio attenere squisitamente al dicosrso tecnico. Come giá detto, pare di capire che la societá sia rimasta spiazzata dal portiere polacco, che la Juve ha intercettato prima che atterrasse a Napoli. Ora… o si trova il sostituto, o si trova un giovane valido da affiancare a Reina, ma lo si fa a tempo debito… cioé subito, anche per dare un messaggio alla strisciata: tu sei forte sul mercato, ma noi ci sappiamo muovere a prescindere.
        Ecco, é qui che forse il Napoli avrebbe avuto bisogno di un plan B giá pronto….
        Che poi il Presidente debba delegare di piú, questa é una mia opinione e accetto che possa avere pro e contro… ma, poiché penso esattamente come te che Giuntoli (sul mercato piú di Sarri… pensa a Saponara) sappia cosa fare, gli darei i relativi poteri.

        Sono sereno e tranquillo, per me il Napoli é giá fortissimo cosí. Peró mi auguro che il primo giorno a Dimaro vi siano tutti, anche i nuovi acquisti e il nuovo portiere, perché Sarri lo ha esplicitamente chiesto e (in questo) mi fido di Sarri.

        Con stima.

  • Carlo Beccaria

    Ma tutti questi casi scottanti non potranno mai toccare l’apice raggiunto da una società che attraverso la voce del suo padrone dichiara:
    Reina per diventare più forte dovrebbe rinunciare a certe distrazioni che si concede
    Higuain ha almeno due chili di troppo
    Cose del genere succedono solo al Napoli

    • Giacomo Molea

      quindi se ADL dice….nn mi piace REINA senza i ZILLI in testa..lui…oooo sono offeso…il mio presidente dice che sono brutto senza ZILLI in testa,..basta..me ne vado. Ma finiamola su

      • Me

        Fammi capire, se il tuo datore di lavoro ad una cena aziendale dice a tua moglie che ti diverti con altre femmine, per scherzo o per verità, tu che fai gli vai a dare la mano e gli dici pure bravo? Davvero? Poi ognuno reagisce a seconda del proprio carattere, e magari se guadagni 1000 euro al mese e se ti licenzi fai la fame ci sta pure che stai zitto e fai finta di niente, ma l’accettare che il datore di lavoro poiché ti paga può dirti e farti ciò che vuole è proprio da idi*ti, lascia che te lo dica.

        • Raffaele Sannino

          Ma tu c’eri alla cena?

          • Me

            Ovvio che si discute di quello che viene fuori, ma tu hai altre spiegazioni per i post di Reina, moglie e per quello della moglie di Callejon? Poi dopo le uscite della panza, o quelle dopo la partita col Real, o dopo altre 100 che se vuoi ti elenco, ti sembra una ricostruzione impossibile quella che ho fatto? No perché mi sembra che nemmeno tu ci fossi alla cena, quindi perché ne sapresti più di me, sentiamo?

          • Raffaele Sannino

            Possiamo discutere sulla panza o centro altre sciocchezze che ha detto il padrone.Ma quando non ci sono audio o video,mi astengo dal commentare.Non mi presto a questi giochini della stampa,basati sul sentito dire.Tu sei libero di farlo,ci mancherebbe.

          • Me

            Io mi baso sulle informazioni a disposizione, ed i tweet ed i comportamenti susseguenti di tutte le parti mi sono più che sufficienti per farmi la mia idea, altrimenti se stiamo sempre ad aspettare l’ufficialità delle cose tanto vale chiudere giornali e siti fino a fine agosto, e sinceramente senza discussioni il calcio è molto meno interessante, quindi anche no, grazie.

        • Giacomo Molea

          guarda, quello sta a fare solo i suoi interessi come tutti del resto, se poi ogni tanto ci scappa qualche battuta scema mica si puo’ essere permalosi, insomma gli avra’ detto sei un PIACIONE e piaci alle femmine, nn ce niente di male, anche se era con la moglie,Giudain nn credo sia andato via x essere stato definito PANZONE

          • Me

            No guarda non ci siamo proprio, non so tu quanti anni abbia e se abbia o meno un lavoro, ma se il mio datore di lavoro facesse certe battute lo manderei a cogliere le cerase, figuriamoci poi certe uscite pubbliche che manco le comiche. Che poi il traditore non sia andato di certo via per quello possiamo essere d’accordo, ma questo non rende giusti certi comportamenti, ma proprio per niente.

      • Carlo Beccaria

        Il rapporto tra Berlusconi e Macron non è lo stesso che tra ADL e Reina. Nel primo caso sono due politici che non si sono mai visti e a stento si vedranno e lo stesso gioco della politica si basa sulla continua elaborazione di opinioni relative a personaggi alleati o antagonisti. ADL e Reina, fanno parte di una stessa organizzazione, il primo come datore di lavoro, il secondo come professionista dipendente. Il primo è libero di dire quello che vuole, il secondo di reagire con altrettanta libertà, visto che il mercato del lavoro nel calcio difficilmente crea disoccupati, sopratutto tra giocatori di un certo livello. In tutte le squadre succede quello che succede nel Napoli, ovvero qualcuno valuta di andarsene, così come la dirigenza può valutare di mandare qualcuno. Ma il modo in cui succede a volte al Napoli, succede appunto solo al Napoli. L’esatto contrario di quello che l’articolo intendeva sostenere.

        • Giacomo Molea

          chissa xche se poi arriva il contratto GIUSTO, l’offesa passa, ma guarda un po’. Comunque Reina lo sa che nn ha mercato e che nn se lo fila nessuno? nn e’ Dollarumma

      • giancarlo percuoco

        ma che c’entra.

  • drnice

    su reina credo abbia ragione fabio milone. è più una pantomima mediatica che un reale caso. vediamo se c’è la congiunzione astrale favorevole tra società e giocatore per la prosecuzione del rapporto. se così non sarà scatterà il piano b, c, d, etc etc. e ce ne faremo una ragione.
    sul comportamento di certi giocatori che, forti di nuovi contratti con altre società, decidono di non andare in ritiro, rendersi irreperibili, non firmare rinnovi, etc, noi a napoli dovremmo saperlo bene. tutto sommato diawara e maksimovic non sono stati degli stinchi di santi con le loro precedenti società e poco chiari coi rispettivi tifosi. ecco, se si evitassero queste cose da queste parti, forti dell’esperienza del nostro ex centravanti argentino, ne sarei lieto. e stasera prenderei una bella doppia razione di gelato…..

  • Giulio Ceraldi

    Francamente mi preoccuperei più del fatto che il Napoli stia tergiversando così tanto per prendere un secondo portiere all’altezza e due terzini di rincalzo. Anche perché i nomi che girano non dovrebbero rivelarsi un ostacolo insormontabile per l’acquisto.
    Sarri è stato chiaro. Al ritiro con la rosa completa.
    Insomma, niente acquisti “last minute”.

    • Giacomo Molea

      da un articolo risulta che ci sono solo 20m tra ingaggi primo anno e cartellini piu’ i soldi da ricavare dalla cessioni di de guzman zapata e la zavorra costosissima zuniga. quindi…tira tu le somme

  • francesco russo

    Se c’è chi si autoflagella per Reina ha qualche problema.
    Le esagerazioni sono sempre da biasimare.
    Poi però deve anche essere concesso di discutere delle ipotesi di mercato (perché fino a che non c’è l’ufficialità solo di ipotesi si può parlare) serenamente e senza l’ossessione di dover addolcire le pillole.
    Anche le altre squadre hanno problemi a gestire i propri tesserati? È il calcio, bellezza!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per la pubblicità e alcuni servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cliccando su “Accetto”, scollando o cliccando qualunque elemento di questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.