In onore di Christian Maggio, campione silenzioso innamorato di Napoli

Quasi tutti passano, Christian Maggio resta. Professionista timido, rapito dal Napoli. Se una relazione supera i sette anni è amore: lui è arrivato a nove.

In onore di Christian Maggio, campione silenzioso innamorato di Napoli

Resistere

Ieri 11 Maggio, come il numero di Christian il capitano silenzioso che per amore della maglia resta e resiste. Dalla Sampdoria dei miracoli al Napoli, su quella fascia a correre e a inseguire il sogno di giocare in una grande piazza.

Mai una polemica, mai una parola fuori posto, mai un ripensamento. Napoli l’ha rapito, e lui le ha regalato i migliori anni della sua carriera. Negli anni in cui sono passati i Lavezzi, i Cavani, gli Higuain, lui non è mai passato, si è legato al dito la fede azzurra e ha sposato il motto finché età non ci separi. Ero allo stadio, quando in quel Napoli- Fiorentina le curve furono chiuse, per un motivo ancora oggi poco chiaro, e il buon capitano realizzò un gran goal. Corse sotto la Curva B chiusa e fece un inchino. Da quel momento il popolo partenopeo capii che il ragazzotto veneto aveva rinunciato alla grappa per il limoncello.

Correre

Ha corso, talmente tanto, che sulla fascia ci sono le impronte di chi la storia recente del Napoli l’ha scritta. Pellegrino, ha visitato i santuari dell’Europa, quella piccola e quella grande, ha tenuto sotto la sua ala protettrice quelli che la maglia la usavano come trampolino, e poi la lasciavano mesta nello spogliatoio. Fenomenale, il goal nel recupero contro il Palermo, in spaccata ad impattare il pallone di destro che poi rimbalzò sul ginocchio sinistro e andò in porta.

Con Mazzarri gli anni in cui ha segnato più goal. Timido, introverso, schivo, ma mai timoroso. Cristian è il simbolo della continuità del Napoli di De Laurentiis, è il punto di riferimento di chi arriva, è il rimpianto di chi va via. Maggio ha il passaporto per viaggiare indisturbato nell’anima dei tifosi, perché lui, se andiamo a scorrere gli annali, è qui da nove anni e si sa, se una relazione dura più di sette anni è vero amore.

Le maglie

Un giorno, prima dell’allenamento, decise di fare una commissione segreta. Da casa prese con sé alcune cose e le ripose in uno zaino, tra queste anche tutte le maglie di quei colleghi che avevano deciso di stoppare la propria permanenza in città, e di volare in altri luoghi, cambiando bancomat, sogni, aspettative. Salutò la moglie e si avviò da solo verso Via Toledo. Cappellino e occhiali scuri, per non farsi riconoscere, un caffè e una sfogliatella e poi diritto in quella bottega in cui l’attendevano. Si mise li, seduto e aspettò che l’artigiano sbrigasse il suo dovere. Dallo zaino prese le maglie, la sette, la nove, la ventidue, la undici e cominciò alacremente a lavorare.

Dopo due ore, il bravo artigiano, finì la sua opera. Il sarto aveva sancito sulla pelle di Christian il tatuaggio dell’orgoglio, di quel timido uomo veneto, che aveva scelto di cucirsi addosso la maglia del Napoli, portando il lembi degli addii, ma anche i sogni di nove anni di sacrifici, gioie, delusioni, perché se una storia dura più di sette anni allora è vero amore. Onore a Christian Maggio, uomo vero, uomo partenopeo!

 

Armando De Martino ilnapolista © riproduzione riservata
TERMINI E CONDIZIONI
  • Marco Campassi

    grande Maggio, merita davvero il max rispetto, e magari qualche minuto in più. Non sarà il miglior crossatore d’Italia, ma uno dei migliori professionisti sicuramente. E comunque non ci dimentichiamo il gol al Bayern, che pure nacque da una sua sgroppata e tiro cross (deviato) e poi io di lui ricordo come se fosse ieri la sgroppata a Manchester, con assist e gol di Cavani

  • Venio Vanni

    Lo vedrei bene come dirigente del Napoli.

    • White Shark

      Vedi, oggi ci siamo trovati d’accordo.

      • Venio Vanni

        tra 30 anni, per festeggiare l’evento, fitteremo un bus scoperto per celebrare l’avvenimento e ci chiuderanno in faccia le porte della redazione del Napolista…

        • White Shark

          Infatti. Evento più unico che raro. Chiederemo a Piero Angela di farci uno speciale.

  • White Shark

    Ecco, un uomo che meriterebbe a fine carriera il posto da team manager. Chi più di lui? Non napoletano, quindi abbastanza distaccato dal poter esercitare questa funzione senza risentire di eccessive pressioni ambientali, ma sinceramente attaccato ai colori per impersonare questo ruolo (ci siamo sempre lamentati dell’assenza di un uomo di spogliatoio nella gestione DeLa) e poi rientrerebbe nei canoni di ADL. Infine darebbe (come sono sicuro che già fa oggi nello spogliatoio) quel senso di appartenenza ai nuovi arrivati che da quel valore in più al gruppo.
    PS. Forse meglio di lui ci sarebbe solo Pepe Reina ma non sono così sicuro che rimarrebbe così a lungo anche a fine carriera (poi sarei contento di sbagliare).

    • Venio Vanni

      Tra l’altro sarebbe il primo calciatore con “stimmate” societaria che il Napoli produce. Ferrara, Iuliano e Cannavaro a parte non c’è un giocatore spendibile a livello dirigenziale nella storia del Napoli. Bruscolotti al massimo può fare il “chianchiere”….

      • White Shark

        In linea di massima si, ma il primo ed il terzo più che il Napoli rappresentano se stessi e le loro storie che per lo più sono distanti da Napoli.
        Totonno credo che per motivi anagrafici e per incarnare il passato (notoriamente causa di allergia per ADL che non perde occasione per sottolineare la diversità) non potrebbe più rientrare nei piani.
        Quello che sinceramente non capisco è Bruscolotti. Da che non appariva mai fin da tempi lontani, dalla chiusura del suo ristorante ha iniziato il valzer delle ospitate partendo da trasmissioni di bassissimo livello fino ad approdare a Campania Sport, dove il buon Chiariello non fa che omaggiarlo dei ricordi dei tempi che furono (io sinceramente non ho l’età per ricordare l’epopea di palo ‘e fierr, ma ai tempi degli scudetti ero adolescente e tutto sto strapotere di Beppe non lo ricordo). Spero vivamente che sia conscio del fatto che non ha la preparazione per rivestire ruoli societari, altrimenti qualcuno dovrebbe farglielo notare.

      • quqquacha

        Ci metterei anche Reina, per quanto sia un’acquisizione recente rispetto a Maggio. Però Maggio ha secondo me il profilo dell’alto dirigente, da uomo di scrivania vero e proprio, mentre Reina lo vedo più come un team manager, uno con il piede ancora nell’erba, un raccordo tra dirigenza strettamente detta e spogliatoio.

        • Venio Vanni

          Maggio lo vedrei bene, con i capelli decenti, al sorteggio dei gironi di champions league.

          • Antonio Baiano

            “con i capelli decenti…” 😀

      • Nevio Pizza

        dopo la pagliacciata dell’altro giorno, Bruscolotti condannato ad aprire solo centri scommesse e mai più le porte del calcio a napoli.

        • FiMarciano

          Io credo che uno come Bruscolotti che ha passato la sua vita nel Napoli gli dovremmo portare più ripetto.
          Pal ‘e fierr non si tocca.

          • Nevio Pizza

            il rispetto va ai miei genitori che si sono fatti un …. a tarallo.
            bruscolotti è un cafone arrogante e ignorante. per di più arricchito.
            impariamo ad usare le parole.

          • Luiz Ferrero

            che t’ha fatto Bruscolotti? t’ha ammazzato il cane?

          • Nevio Pizza

            no. sono semplicemente stanco di vedere personaggi che a stento conoscono l’alfabeto muovere gli umori di una città che davvero dovrebbe pensare a cose più serie.

          • Stabiese30

            Bruscolotti ex capitano.
            Ha collezionato 511 presenze in 16 anni di Napoli.
            Evidentemente sei troppo moccioso per ricordare di chi stai parlando.

          • Nevio Pizza

            diciamo che sono del ’78 e le imparate di creanza non me le devi certo dare tu chiamandomi moccioso. ps: uno che si presta alla pagliacciata del signor montuori dell’altro giorno può contare davvero solo sull’ignoranza di altra gente.

          • Stabiese30

            Ma mi faccia il piacere se ne vada!!
            Bruscolotti gli sbatte in faccia 511 presenze con la maglia del Napoli!! Zitto! !

          • Nevio Pizza

            caro periferico abitante di provincia, la lascio alle venerazioni delle immagini sacre di persone del genere. cia’ cia’

          • Stabiese30

            Ecco bravo vatti a fare una pizza.
            E porta rispetto per chi calcisticamente parlando ha passato una vita nel Napoli. BIMBO.

          • Nevio Pizza

            gentile stabiese, ma ti sei svegliato storto 🙂 ?
            511 presenze in maglia azzurra: e allo’? a chi vuo’ caca’ ‘o ca__Z 😀 ?!

          • Stabiese30

            Ho capito Bruscolotti ti ha sodomizzato da piccolo. Capisco.
            😆😆

          • Nevio Pizza

            ahahahahahahah!
            2017 e ancora pensiamo a bruscolotti come un’icona di virtù.
            caro ti saluto che a queste latitudini si lavora, tu guardati pure l’album delle figurine e mi raccomando, quando torno voglio sapere quante presenza tiene luciano sola con la maglia del napoli

          • Stabiese30

            Infatti con l’attuale Napoli stiamo vincendo i colli de azzo vuoi mettere?
            Se ti piace sentire la musichetta in champions vieni da me ti faccio i cd😂😂

          • Nevio Pizza

            aaaaaaaaaaaaaaah, ecco spiegato tutto. sei uno che tiene il broncio perché il napoli non ha vinto lo scudettino in un campionato in cui vince solo una squadra da SEI anni. ora capisco la tua venerazione per gente che non si mette scuorno di aprire centri scommesse e che sta leggermente incazzata perché non azzuppa il pane dal 2004. ciao ciao, e ricordati di farmi sapere le presenze di Cornacchia a inizio anni ’90.
            ps: champions’ è genitivo sassone, si aggiunge quel piccolo apostrofo alla s. non farmi fare brutte figure

          • Stabiese30

            Eh niente Bruscolotti ha avuto un diverbio con il tuo illustrissimo Adl e allora come per magia dobbiamo buttare al cesso 16 anni di storia.
            Rid..😆😆😆

          • Stabiese30

            No ha avuto solo qualche incomprensione con il loro stimatissimo e illustrissimo Adl. Allora va sorpresso.😂😂

          • FiMarciano

            Sembri stato moroso da una serpente velenoso

  • Cuono Izzo

    Spero che ADL gli riservi un posto in società, ormai è di famiglia Christian. Grandissimo professionista

  • quqquacha

    Per non stimare, apprezzare, volere bene a Maggio bisogna essere davvero delle brutte, brutte persone. Spero come espresso da altri qui che ADL voglia riservargli un posto in sociertà non di quelli da cimelio, ma un ruolo di peso

  • Nunziocity

    Rispetto alla carriera di Maggio, ma si sapeva da tempo che era un giocatore finito. Il contratto di 3 anni è l’errore uguale aTotti, non giochi era inutile pagarti a vuoto.

    • White Shark

      Quindi secondo questo ragionamento non dovremmo chiamare mercenari quelli che scelgono contratti più vantaggiosi e lasciano le nostre squadre del cuore se poi siamo noi i primi a chiamarli bolliti appena se ne presenta l’occasione.
      È proprio vero che la riconoscenza non è di questo mondo.

      • Rosario

        E in piú, ogni volta che é stato chiamato in capo ha dato il suo contributo……

        • White Shark

          Rosario, ripeto, la riconoscenza non è di questo mondo. Anch’io,come molti di noi, giocando sul suo cognome M’aggio n’tussecat ‘o fegato nu sacc e vot per uno stracacchio di cross buono, che se in tutti questi anni lo volevi allenare, t’o futtiv a Marcelo. Ma non si può non essere riconoscenti a questo calciatore che ha sempre sputato l’anima in campo. Io lo vedo un grande team manager come ho scritto in un mio post più su.

          • quqquacha

            e nonostante quest’anno abbia visto il campo solo se Hysaj era squalificato, in quegli sprazzi di partita è riuscito spesso a farmi pensare che forse forse non sarebbe male ogni tanto vederlo titolare al posto dell’albanese.
            A trentacinque anni.
            Scusate se è poco.

          • javierm

            Paradossalmente nelle sue ultime apparizioni ha mostrato di aver superato il suo maggior limite, che in passato gli è costato anche la nazionale: l’inadeguatezza a giocare in una difesa a quattro. Se avesse ancora benzina, ma questo nessuno può garantirlo, sarebbe ancora un affidabilissimo ricambio a dx.

          • Rosario

            vedo che su maggio siamo tutti d’accordo.

            vediamo se DeLa ci accontenta. Certo, sarebbe bello vedere in tribuna tra i dirigenti del Napoli il suo mascellone da persona corretta, non come altri che vedono la zazzera giallognola di Nedved…

            FNS

          • giancarlo percuoco

            Simula pure in tribuna il biondo noncolorato?

    • giancarlo percuoco

      Tra i tanti soldi a vuoto che ha buttato DeLa, questi sarebbero i più sensati.

  • luigio

    Complimenti ad A. de Martino che con questo articolo rende onore ad un giocatore serio e silenzioso, un grande professionista, tra i primi del nuovo Napoli a giocare in Nazionale.
    Tra le sue grandi partite voglio ricordare anche quella contro il Chelsea al S. Paolo.
    Poteva essere stratosferica se avesse fatto quel gol salvato sulla linea da Cole.

  • drnice

    professioni esemplare. ai tempi di mazzarri era difficile trovare un esterno migliore di lui. se solo avesse imparato a fare un cross decente…….
    se rimanesse nei quadri societari, mi farebbe piacere ma ho l’impressione che voglia ancora giocare

    • javierm

      In particolare nella stagione della Champions mazzarriana era devastante. La partita di Londra, purtroppo per noi, svoltò nel momento in cui lui si infortunò. Rimane uno dei migliori interpreti del ruolo di esterno dx nel 3-5-2. Difficile però collocarlo in tutti i sistemi di gioco con difesa a 4, non va bene in difesa e non ha sufficiente tecnica per i centrocampo.

  • Guglielmo Occam

    Onore a te Christian….unico rammarico quella palla che non entro’ in porta nella partita contro il Chelsea….sarebbe stata la ciliegina sulla torta della tua carriera e anche il passaggio degli ottavi!

  • javierm

    Una sola parola: RESPECT

  • Willy

    Onore a Maggio. Grande Uomo

  • Gianluco

    Tanto cuore, tanta corsa e – nonostante non fosse questo il suo compito – anche tanti gol pesanti. Grazie mille Christian, spero di vedere ancora a lungo il tuo nome legato a questa squadra!

  • dino ricciardi

    Meriterebbe di avviare una carriera da dirigente nel Napoli.
    Sono convinto che sarebbe un ottimo dirigente.

  • La Palice

    Io la storia delle magliette non l’ho capita, qualcuno me la sa spiegare ?

    • White Shark

      Nemmeno io. Non ho capito se s’è fatto un tatuaggio o se l’è fatte cucire tutte insieme per farne uno spinnaker per la barca a vela.

  • Paolo Rossi

    Al di là delle jastemme sui cross, poteva essere anche il 98′ ma sul secondo palo lui si faceva trovare dopo l’ennesima sgroppata. E quante volte a vuoto perché non gli passavano la palla.
    Grande ammirazione, lo stimo tantissimo.

  • nith

    Un grande professionista e per esserlo bisogna essere anche delle grandi persone. Solo tanta stima e rispetto! Spero chiuda la sua carriera qui e non vada a svendersi a qualche neopromossa.

  • FiMarciano

    Onore al grande C.Maggio.

  • Eduardo

    Grandissimo Christian e immenso Beppe napoletano vero e con le palle

  • vicchiariell

    forse il miglior terzino nella storia del napoli, comnque tra i primi 3, grande professionista e eccellente persona
    Personalmente spero che la prossima stagione forse l’ultima o la penultima ( afebbraio sono 36 ) possa giocare e divertirsi anche se non a Napoli, lo merita, magari all’estero con un super e strameritato ingaggio.
    Grazie Christian

  • Miniello

    Grande Maggio anche se mi hai fatto inc…re qualche volta per i cross. Ti vedo dirigente come Oriali.

  • Paco2020

    Dirigente o non dirigente, di certo è un calciatore, sportivo, uomo, come ce ne sono pochi. Serio e professionale. Un gentiluomo del calcio…un Zanetti del Napoli.

  • Marazola

    Maggio uno di noi

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per la pubblicità e alcuni servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cliccando su “Accetto”, scollando o cliccando qualunque elemento di questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.