I diritti tv della Champions: Sky Italia parte in vantaggio, scadenza il 12 giugno

Mediaset sembra partire in seconda fila, ma c’è curiosità per le eventuali offerte di società di telecomunicazioni, che hanno vinto in Francia e Regno Unito.

I diritti tv della Champions: Sky Italia parte in vantaggio, scadenza il 12 giugno

La scadenza il 12 giugno

Sky in testa, Mediaset nelle retrovie. A due anni dall’ultima asta, l’esito della vendita dei diritti televisivi per il prossimo triennio di Champions (2018-2021) sembra disegnare uno scenario completamente ribaltato. La Uefa ha comunicato le scadenze dei broadcaster per presentare le offerte. In Italia la deadline è fissata al 12 giugno.

Secondo quanto riporta Calcio&Finanza, il colosso di Murdoch sembra l’unica piattaforma in grado di presentare un’offerta congrua, oltreché la sola a potersi sobbarcare il peso di una produzione tanto complessa. I diritti a Sky permetterebbero anche la visione di un match in chiaro, magari sui canali digitali terrestri collegati (come Cielo o Tv8).

Per Mediaset, situazione difficile dopo gli annunci di passivo relativi agli ultimi bilanci. Sempre per C&F, una sorpresa potrebbe arrivare dalle aziende di telecomunicazioni. In Inghilterra e Francia ad esempio, sono state due società non propriamente televisive ad aggiudicarsi l’esclusiva, Bt e Sfr Altice. In Italia, Tim potrebbe essere interessata, e c’è curiosità per l’eventuale offerta di Discovery. Ma in realtà la prima fila di Sky vale un’assegnazione quasi già decisa.

Napolista ilnapolista © riproduzione riservata
TERMINI E CONDIZIONI
  • Giulio Ceraldi

    Occhio a BeIn Sport.
    Se sbarca in Italia Sky Sport e Mediaset possono andare a raccogliere i pomodori.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per la pubblicità e alcuni servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cliccando su “Accetto”, scollando o cliccando qualunque elemento di questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.