La Champions, il CIES e l’Independent: «Tra le competizioni più squilibrate del calcio»

Il 21% delle partite finisce con tre o più gol di scarto; solo dodici squadre hanno avuto accesso alla finale negli ultimi 12 anni (quindi, 24 posti).

La Champions, il CIES e l’Independent: «Tra le competizioni più squilibrate del calcio»

Statistiche e considerazioni

L’equilibrio competitivo della Champions League è una vecchia favola, nel senso che non è un parametro verificato dalla e nella realtà. Lo dimostra una della ultime statistiche del CIES, osservatorio indipendente sul calcio con sede in Svizzera. Secondo i dati, il 21,5% dei match della fase finale terminano con tre o più gol di scarto. In Europa, solo la Bundesliga austriaca e il campionato cipriota hanno percentuali più alte. La cifra si riferisce ai match che vanno dalla fase a gruppi fino alla finale, escludono quindi la fase sempre un po’ pletorica dei preliminari estivi.

Il senso di squilibrio compeitivo nasce anche da un altro dato: dodici squadre in tutto sono arrivate alla finale di Champions negli ultimi 12 anni. Ventiquattro accessi appanaggio di un contingente di club pari al 50%. L’Independent ha scritto sulla cosa, citando anche parole abbastanza eloquenti attribuite proprio al CIES: «Questi dati riflettono la crescente e differente diffusione di ricchezza tra le squadre partecipanti. Per riequilibrare le competizioni, l’unica soluzione sarebbe quella di migliorare la distribuzione di risorse finanziarie (diritti televisivi) e risorse umane (mercato del trasferimento) a livello nazionale e internazionale».

Un altro punto riguarda la scelta di Platini, che durante il suo mandato si è adoperato per riservare più slot a squadre provenienti da paesi minori. La riforma che entrerà in vigore dal prossimo anno forse sarà un primo passo per tornare a un equilibrio reale. Che oggi, semplicemente, non esiste.

Napolista ilnapolista © riproduzione riservata
TERMINI E CONDIZIONI
  • Moska

    Hanno scoperto l’acqua calda. Questa competizione, oltre a essere una pagliacciata per la presenza di squadre assolutamente non all’altezza (e la stessa fine la farà il mondiale), distribuisce le risorse in maniera assolutamente iniqua che quindi finiscono – non ci va un genio a capirlo – sempre alle solite squadre. Vincere l’Europa league porta meno introiti che partecipare al solo girone di Champions. Non ha senso. Il calcio diventerà sempre più squilibrato…

    • Eduardo

      Semplice ed efficace

  • Rosario

    I miei figli sono appassionati di Basket NBA.
    A parte la spettacolaritá del gioco, cosa affascian é esattamente l’incertezza e l’assenza di un dominatore “storico” come Juve, Bayern o Real Madrid nei loro rispettivi campionati.
    Ai miei tempi i ragazzi tifavano per Boston, Lakers, NY… oggi sono squadre di secondo livello.
    Questo permette confronti intergenrazionali e una maggiore diffusione dello sport.
    I sistemi sono noti: salary cap, selezione dei giovani, maggiore diffusione di sponsor, etc.
    In realtá, quasi tutto potrebbe essere esportato nel calcio….

    • Il Boemo

      Si ma li ci sono le franchigie che non hanno nessun legame con il territorio. I lakers possono passare da los angeles a New York tranquillamente

      • Rosario

        Vero.
        Ma tu immagina. Basterebbe un salary cap…. quanto sarebbe ancora piú importante avere un coach come Sarri?

        • Il Boemo

          C’è bisogno sicuramente di una grossa riforma almeno a livello UEFA, questo sì. Ma il modello NBA per quanto come dici tu equilibrato porta ad altro tipo di fenomeni legati all’iper professionismo.

  • Il Boemo

    Sempre detto. Per me va ampiamente separata la competizione dagli introiti. O la Uefa distribuisce i soldi alle federazioni o chi partecipa deve comunque ricevere gli stessi compensi sia che venga eliminato ai gironi sia che vinca.

  • vomerio

    credo che il problema sia anke un altro. la diffusione dell’idea che il moltiplicarsi dei gol sia indice d maggiore spettacolo e quindi introiti maggiorati x i vari attori. la verità è che nn hanno interesse al riequilibrio dei valori. un 6 a 1 secondo loro è sempee meglio d uno 0 0. ..mah

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per la pubblicità e alcuni servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cliccando su “Accetto”, scollando o cliccando qualunque elemento di questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.