Per la Procura Figc, Agnelli sapeva degli striscioni su Superga. Disse a D’Angelo: “Bucci è un ciuccio, lo hanno beccato”

ESCLUSIVA, LE CARTE INCHIESTA PROCURA FIGC – «Bucci e D’Angelo introdussero gli striscioni nello stadio, furono beccati dalle telecamere di sorveglianza. Agnelli era tutt’altro che inalberato al telefono».

Per la Procura Figc, Agnelli sapeva degli striscioni su Superga. Disse a D’Angelo: “Bucci è un ciuccio, lo hanno beccato”
Uno dei due striscioni su Superga esposti al derby del febbraio 2014

Le carte dell’inchiesta della Procura Figc

È vero, la notizia del provino alla Juve di un giovane Bellocco, cognome pesante a Rosarno e dintorni, Piana di Gioia Tauro, era già uscita. E poi uno potrebbe sempre dire che la colpa dei padri non deve ricadere sui figli. Un “provino” fu chiesto, per esempio, nel 1994 anche dai fratelli Graviano di Brancaccio, esponenti di punta dei Corleonesi coinvolti nella strategia stragista di Cosa Nostra, al Milan, attraverso Marcello Dell’Utri. Il prescelto era un promettente centrocampista offensivo Gaetano D’Agostino.

Dunque, anche se già filtrata, la storia di Mario Bellocco e la raccomandazione arrivata al direttore della Juve, Marotta, nelle diverse carte delle inchieste sulla Juve, la curva e la ndrangheta, si racconta anche questa storia a mo’ di esempio «dello stretto legame fra Rocco Dominello e Fabio Germani e i vertici della Juventus».

Gli striscioni su Superga

Un rapporto che sfiora il masochismo, sembra di capire leggendo gli atti. Ricordate la indicibile vicenda dei fuochi pirotecnici e degli striscioni inneggianti alla sciagura di Superga (quando l’aereo che riportava a casa la squadra del Torino precipitò), portati nella curva in occasione del derby dai dirigenti della Juventus?

Nella relazione di polizia giudiziaria sul derby Juventus-Torino del 23 febbraio 2014 si legge che «gli striscioni clandestinamente introdotti, pur nella consapevolezza che la loro esposizione avrebbe comportato una salata ammenda per la Società, inneggiavano alla tragedia di Superga e comportarono il sanzionamento della Juventus da parte del giudice sportivo, con una ammenda di 25.000 euro».

Agnelli dice di Bucci: “Ale sei un ciuccio, ti hanno beccato”

Alessandro D’Angelo e Raffaele Bucci (poi suicidatosi, ndr), «al fine di evitare lo sciopero del tifo ed eventuali ritorsioni nei confronti della propria Società di appartenenza, si prestarono a introdurre personalmente, all’interno dello stadio, degli zaini contenenti striscioni e fumogeni, così eludendo la sorveglianza delle forze dell’ordine».

Tale “condotta” fu però ripresa dalle telecamere di sorveglianza come dimostrato dalla conversazione del 25 febbraio del 2014 nella quale, per l’appunto, «D’Angelo informa Bucci che ė stato beccato e gli riferisce che il Presidente l’aveva apostrofato con la frase “Ale sei un ciuccio, ti hanno beccato”. Per altro – annota il procuratore federale Pecoraro – il presidente Agnelli era perfettamente a conoscenza dell’introduzione di materiale vietato all’interno dello stadio perché di ciò informato dal D’Angelo con il quale risulta intrattenere un rapporto personale di amicizia oltre che rapporti di natura professionale».

“Sono dei coglioni”

Sapeva, Agnelli. Il 23 febbraio del 2014 il presidente Agnelli è al telefono con D’Angelo. È appena finito il derby. E il Security Manager della Juve racconta che gli ultras non avevano mantenuto i patti nonostante gli zaini con gli striscioni e i fuochi pirotecnici. «Il presidente Agnelli si limitava a rispondere “ma no no sono dei coglioni” senza altro commento, con ciò dimostrando di essere perfettamente al corrente dei rapporti fra i propri collaboratori ed esponenti del tifo organizzato e della malavita, gestiti al fine di assecondare i tifosi».

Uno dei due striscioni esposti dagli juventini nel derby del 23 febbraio 2014. Per la Procura Figc, la Juve autorizzò gli striscioni

Interrogato, Agnelli addebita ogni responsabilità a D’Angelo

Il 16 febbraio scorso (2017), Andrea Agnelli chiede di essere sentito dalla procura federale e a proposito della vicenda del derby con il Torino, «addebita la responsabilità della introduzione ddi gli zaini al solo D’Angelo, sostenendo: “Mi inalberai molto e gli dissi che quel che era accaduto non avrebbe dovuto più verificarsi”. Al di là del fatto – scrive la Procura – che la riferita arrabbiatura ė smentita dal tenore delle telefonate intercettate, non v’è chi non veda come il semplice inalberarsi a fronte di tanto improvvida quanto pericolosa e autolesionistica condotta, come già detto, non costituisce di certo condotta consona di colui che, in qualità di Presidente rappresenta la società e riveste una posizione di garanzia, viene a sapere che un proprio dipendente ha commesso un fatto di tale gravità che avrebbe potuto certamente condurre a risvolti di natura penale e a conseguenze ben più gravi».

Agnelli non ha mai denunciato né allontanato i suoi collaboratori

Ma c’ė una considerazione generale che inchioda Agnelli. Nell’atto di deferimento al Tribunale sportivo, il procuratore Pecoraro scrive: «Ulteriore conferma del fatto che il Presidente non solo fosse consapevole dei rapporti strutturati e delle concessioni fatte in favore dei gruppi del tifo organizzato e di esponenti malavitosi, ma che acconsentiva a tale condotta, è la circostanza che il Presidente della società non ha mai denunciato tali condotte alle Autorità – statuali e di settore – competenti, né ha mai allontanato dalla compagine sociale i propri collaboratori e dipendenti che attuavano questo sistema».

Liborio Romano ilnapolista © riproduzione riservata
TERMINI E CONDIZIONI
  • rallff31

    Radiamo Agnelli e la Juventus.Non c’è altra soluzione per avere un Italia migliore.

    Indovinate chi ha costretto la Juve(solo la Juve???) a scendere a patti con gli ULTRAS(questo sembra che l’abbiate capito ma non si sa mai,meglio puntualizzare)?
    La stessa FIGC che ora ne chiede lo scalpo.
    Io lo sapevo che quel ricorso al tar gridava vendetta e voilà.

    FORZA ANDREA NON MOLLARE!

    • Luigi Borrelli

      sei un grande rall

      • drnice

        ..sei un grande troll….

      • White Shark

        …..idiota. Completale le frasi.

    • Luigi Borrelli

      ralllff poi il 4 vanno loro in commissione e si riscopriranno garantisti sai le risate……..prendo le audizioni di radio radicale e gliele posto ogni 5 minuti….
      sembrano ci siano cose interessanti…..
      come dicono quelli bravi:
      KEEP CALM
      AND
      SUCCURSALE DAL 1926

      • White Shark

        Succursale di chi? Tu che la cultura non sai nemmeno dove abita.

        • Luigi Borrelli

          ah già tu credi alla favola della clausola…..

          • White Shark

            Favola? Ma di che parli? Premesso che ADL fa bene a tutelarsi e a incassare il massimo in caso di tentazioni da parte di calciatori e procuratori, io mi diverto tantissimo quando arriva qualche tordo come il tuo caro leader e sgancia fior di milioni per gente che non ripete più le annate fatte con noi. Che spasso. Dovreste imparare qualcosa visto che per la famigerata vendita di pobbà, avete dovuto dare una cospicua fetta al mio compaesano minuccio.

    • Gianfranco Staiano

      radiamo tutti quelli che sono collusi con ultras e malavita, ma per il momento hanno beccato il tuo presidente …..

      • rallff31

        Voi a Napoli,patria della legalità,siete gia a posto.
        Per le altre squadre chissà,anche se dubito che siano state intercettate i per anni.

        • Dr A

          questo commento razzista te lo puoi ficcare su per il C.LO!! tanto gia che ti brucia!!

    • drnice

      sei pessimo.

    • White Shark

      Se fosse vero solo un decimo delle parole che gli vengono attribuite, dovresti vergognarti solo di nominarlo il tuo caro leader (di nordcoreana estrazione). D’altronde una tifoseria (la parte più becera,ovvio) più spregevole della vostra non credo esista o per lo meno vinca, nel campo delle nefandezze, con ampissimo distacco. E prova a smentire pure questo.
      Al livello vostro si abbassò solo un’altra tifoseria. Quella che indosso le magliette con la scritta -39. Ma si trattò di un pessimo episodio perché di cose eclatanti dei viola ricordo poco altro. Voi anche su questo ambito siete recidivi.

  • Luigi Borrelli

    rall gonzalo sartre e tutti i bianconeri del napolista però concediamoli a questi una tregua lunedì perché non succede ma se succede e in particolare se succede per via del 9 per un giorno lasciamoli favoleggiare con l’ndrangheta…..

    • GiovannI Calabrese

      Caro Luigi, che bella compagnia…
      Te lo dico di nuovo: che tristezza…

    • White Shark

      Bianconeri del Napolista 😂😂😂. Che fine che avete fatto. Invece di stare tra i loro pari, frequentano altri lidi. Ma in fondo vi capisco. È per darvi un tono, visto che dalle vostre parti regna la tristezza e la noia.

  • rallff31

    Giorni fa avete bacchetato Uva che si è permesso di mettere in dubbio l’utilità della spettacolarizzazione della vicenda Agnelli da parte della commissione antimafia.
    Un membro dell’antimafia ha fatto di mooolto meglio azzerando la propria credibilità in cinque allucinanti minuti di intervista(Juve merda,sono un ultras del Napoli,la Juve ruba e qualche altra perla sparsa qua e la)
    Niente da dire?
    Com’era “la protervia del potere”?
    All’inizio non volevo credere agli Juventini che parlavano di “processi napoletani”, ma gli indizi in questa direzione si fanno sempre più numerosi e consistenti

    • drnice

      stai ancora qua ???

  • Luigi Borrelli
    • drnice

      sciò…..

  • Luigi Borrelli

    bannato ole

    • drnice

      vai via…

  • Luigi Borrelli

    bannato forse…

    • drnice

      sparisci..

  • rallff31

    Petizione per l’allontanamento dell’onorevole Taglialatela dalla commissione antimafia.
    Charge.org

    • White Shark

      Andate avanti a petizione. Dopo Alvino, quest’altro. A quando il muro di Trump. E poi parlate di intolleranza. Ipocriti nati, cresciuti e pasciuti.

    • Ciccio Bomba

      d’accordissimo (sono tifoso del napoli). ma questo che c’entra con i brogli juventini?

      • Ralf

        1) Taglialatela è membro della stessa commissione antimafia dove verrà ascoltato Agnelli
        2)brogli?

        • Ciccio Bomba

          1. non credo sia stato taglialatela a suggerire ad agnelli di contrattare con la ndrangheta. nonostante ciò, d’accordissimo che venga estromesso.
          2. brogli. esatto. violato articolo 12, comma 1, del codice sportivo.

          • Ralf

            Intanto firma la petizione.
            Detto tra noi per gli Juventini sarebbe meglio che Taglialatela restasse lì dov’è adesso

          • Ralf

            Che Agnelli abbia trattato con la ‘ndrangheta è tutto da verificare e vendere più biglietti del consentito non è un imbroglio.
            Fare un mini abbonamento per dividere meno soldi possibile con la Juve,quello si che è un imbroglio e qua sopra c’è anche chi ha esultato.

          • Ciccio Bomba

            mi sa che hai molta confusione tra ciò che è legale e ciò che non lo è. ma ti capisco: sei juventino.

          • Ralf

            Sono qua apposta per imparare dal popolo più onesto nella storia dell’umanità.Poi passeremo alla tolleranza e all’educazione.
            Un passo alla volta

  • Ernani Leo

    Scorrendo il sito ci sono ben 6 articoli su 12 dedicati a questa vicenda. Risultato: non si parla del Napoli, non si parla di calcio e siamo invasi da queste fastidiosi magna franchi che non trovano di meglio che uscire dalle saettelle per venire qui in salutati ospiti. Ma vi hanno chiamato o siete venuti? Tornate nel serraglio e noi riprendiamo a parlare di qualcosa che attragga meno l’attenzione di questi parassiti.

  • Stefano Valanzuolo

    Ormai si scrivono tra di loro, con commoventi inviti a “resistere” rivolti al monociglio neanderthaliano.

  • Luigi Borrelli

    avete avuto tempo e modo di verificare questa è una fake news

  • Luigi Ferrara

    Oddio un’altra lunga giornata a leggere di ndrangheta – iuve

  • Gonzalooo… HIGUAIN!!! 2-1!
  • Maria Paola Macioci

    Monociglio più parla e più s’ammazza. Gli striscioni su Superga qualificano lui e la sua cricca per quello che sono.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per la pubblicità e alcuni servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cliccando su “Accetto”, scollando o cliccando qualunque elemento di questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.