Luca Toni: «Aggrediti ad Avellino e i vigili si sono girati dall’altra parte»

Le accuse dell’ex centravanti della Nazionale sono più gravi dell’aggressione stessa. I vigili negano. Le telecamere dovrebbero aver ripreso.

Luca Toni: «Aggrediti ad Avellino e i vigili si sono girati dall’altra parte»
L'auto di Luca Toni e del presidente del Verona dopo l'aggressione ad Avellino

Per Avellino-Verona

L’accusa, se possibile, è persino più grave della violenza. “I vigili urbani hanno visto e si sono girati dall’altra parte”. Parole di LucaToni ieri pomeriggio vittima di un’aggressione ad Avellino assieme al presidente del Verona Maurizio Setti. Hanno assaltato l’automobile, infranto un vetro. E a venti metri, nel racconto dell’ex centravanti della Nazionale, agenti della polizia municipale che non hanno mosso un dito.

Erano una quindicina, forse di più. Sembravano bestie, con un calcio ci hanno distrutto il finestrino mentre altri prendevano a pugni l’auto. Tremava tutto, schegge ovunque. E lì, a venti metri, ma venti veri, c’erano due vigili che non hanno mosso un dito. Si sono girati dall’altra parte. E dire che mi ero sentito protetto dalla loro presenza.

Luca Toni immagina cosa sarebbe potuto accadere se in macchina ci fossero stati bambini. «Se non fossimo riusciti a scappare subito, grazie alla bravura del mio amico che era alla guida, chissà che sarebbe successo. Ci hanno lanciato anche una bottiglia di birra, per fortuna hanno colpito Setti allo stomaco e non in faccia. Il calcio è malato».

Il comandante dei vigili urbani ha negato tutto. Ha definito quelle di Toni “accuse gratuite”. Sembra che telecamere abbiano ripreso l’aggressione. Se ne saprà di più nei prossimi giorni.

Napolista ilnapolista © riproduzione riservata

IlNapolista.it TV

TERMINI E CONDIZIONI
  • drnice

    spero che questa brutta pagina possa essere chiarita dalle telecamere.

  • Salto

    Meno male che un episodio del genere sia accaduto ad un personaggio famoso!
    Quotidianamente accade lo stesso (non che si venga aggrediti in automobile, ma che lo “stato” si giri dall’altra parte) ma ciò non comporta l’evidenza mediatica che invece ha avuto questo caso.
    Ora informate il Questore di Napoli (che ovviamente non ha competenza) che si domanda dov’è che lo stato manca! Lo stato manca quotidianamente ma si deve sentir dire da una delle sue maggiori rappresentanze del territorio che i residenti sono conniventi. L’uomo ha come principale motore lo spirito di sopravvivenza e se manca di diventare Cittadino è per la mancanza dello stato: non il contrario!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per la pubblicità e alcuni servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cliccando su “Accetto”, scollando o cliccando qualunque elemento di questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.