Perché il turbolento post-partita di Napoli-Palermo emerge soltanto ora?

Come mai fino a Madrid la notizia non è uscita? Chi ha interesse a parlarne solo ora? Eppure Napoli-Palermo si è giocata venti giorni fa.

Perché il turbolento post-partita di Napoli-Palermo emerge soltanto ora?

Questione di tempismo

Gli inglesi lo definiscono timing. È il tempismo. È la capacità di fare la cosa giusta nel momento giusto. È un’essenza del giornalismo, beccare l’attimo perfetto per dare una notizia. Ecco, è successo con il Napoli. Stamattina, un bel paginone sulla Gazzetta dello Sport. Due pezzi affiancati, che raccontano un po’ di storie che ignoravamo fino a stamattina. Giornalismo, quindi chapeau. Non siamo per l’insabbiamento, ci mancherebbe. Ma ci chiediamo come mai questo retroscena si emerso soltanto oggi. Napoli-Palermo 1-1 si è giocata venti giorni fa. Prima del Bologna, prima del Genoa, prima del Real Madrid e ovviamente del Chievo. Quattro partite fa.

Praticamente, De Laurentiis va negli spogliatoi e inveisce contro Sarri perché «ha sbagliato formazione». Sarri si arrabbia assai, vorrebbe addirittura rassegnare le dimissioni. Persino Giuntoli lo segue. Insomma una Waterloo. Poi, ecco il mistico intervento di Pepe Reina. Il super-allarme rientra, Sarri è una persona normale davanti alle telecamere e Giuntoli – come al solito – non parla. Anzi, il mutismo del direttore generale oggi diventa un problema.

Detto questo, il Napoli va a Bologna e incanta; gioca col Genoa, e vince. Poi, il Real Madrid. Il Napoli perde, De Laurentiis va in televisione, attacca platealmente Sarri. Nel posto sbagliato, al momento sbagliato. L’abbiamo detto: questione di errato luogo, di errato timing. Soltanto dopo la sfuriata improvvida di De Laurentiis a Madrid, e dopo la decisione del silenzio stampa, emerge il retroscena relativo a Napoli-Palermo.

La stranezza

È questo a suonarci strano. Perché non dare il giorno dopo Napoli-Palermo? Tra l’altro, una partita in cui c’era davvero da arrabbiarsi per la mancata vittoria. Perché aspettare il post-Madrid, anzi pure il post-Chievo? Perché aspettare che il notizione di De Laurentiis arrabbiato perdesse slancio mediatico e poi fargli una nuova iniezione di vitalità? La spiegazione più probabile è che prima il suggeritore non avesse interesse a “passare” la notizia ai giornalisti. Non stiamo dicendo che non sia vera, attenzione. Ci mancherebbe. È solo che, come dire: il tempo della narrazione non ci convince.

Quindi, ipotizziamo, se a Madrid De Laurentiis non avesse avuto quello sfogo, nessuno avrebbe saputo nulla del post Napoli-Palermo? Evidentemente, se la notizia è stata suggerita soltanto ieri, l’obiettivo è quello di alimentare il fuoco delle polemiche rispolverando cose vecchie ed evidentemente superate. Perché, se dobbiamo credere a quello che scrivono i giornali o dicono le persone, ci sono anche le parole di De Laurentiis su Sarri prima di Madrid. «Un cavaliere del bel gioco», «un orgoglio il nostro gioco», «Sarri è un grande» e altre cose così. Verba volant, o mai oppure sempre.

Il Complottista ilnapolista © riproduzione riservata
TERMINI E CONDIZIONI
  • Effe Bongi

    ma veramente qualcuno crede a questa “notizia” ?
    poi ci si meraviglia delle teorie sulle scie chimiche e sulla terra piatta …

    • Diego della Vega

      Non so se è una notizia vera. Sicuramente è verosimile.

      • Effe Bongi

        è verosimile che qualcuno presente nello spogliatoio assiste alla scena e poi va a raccontarlo alla cazzetta ?
        ho l’impressione che molti sopravvalutino il lavoro di questa categoria professionale.

        • Alfredyk

          Il contesto è certamente ambiguo, ma un nostro amico comune poco fa mi ha fatto riflettere quando ha ipotizzato una possibile delazione da parte del gruppo sui fatti ( veri o presunti ) del dopo Palermo. Una ritorsione contro i giudizi a caldo di ADL post Madrid, una intimidazione verso l’imposizione di un silenzio stampa coatto. Uno scenario che se fosse vero alimenterebbe ulteriormente in mè la convinzione della assoluta incapacita della SSC Calcio Napoli di saperci stare sui palcoscenici di alto livello, di non avere la competenza necessaria per gestire le situazioni più delicate. Servirebbe una dirigenza di ben altro spessore.

  • Venio Vanni

    Tutti ex dipendenti del Napoli Calcio in un modo o nell’altro con il dente avvelenato contro ADL…

    • Il Boemo

      Uno è più che altro il figlioccio di Malfitano, di ex dipendente comunque c’è solo la Scozzafava.

      • Venio Vanni

        Il figlioccio di Malfitano ha lavorato per poco nel Napoli di Naldi… Ed in quanto dipendente del “vecchio Napoli” (per sei mesi) si sente in diritto di ritenere “illegittimo” il Napoli attuale…

        • Il Boemo

          Lol hai ragione, pensa come eravamo messi… https://it.wikipedia.org/wiki/Societ%C3%A0_Sportiva_Calcio_Napoli_2002-2003
          Dirigenza[modifica | modifica wikitesto]
          Presidente: Salvatore Naldi
          Vicepresidente: Bruno Matera
          Ammininistratore delegato: Luigi Albisinni
          Direttore generale: Raffaele Russo
          Direttore generale area tecnica sportiva: Gianpietro Marchetti poi Giorgio Perinetti
          Responsabile settore giovanile: Vincenzo Coscia
          Ufficio stampa: Carlo Juliano
          Team Manager: Gianluca Vigliotti
          Responsabile sito internet: Gianluca Monti
          Segretario sportivo: Alberto Vallefuoco

          • Aureliovattene

            Che palle.
            Che mentalità da perdenti nati.

          • Venio Vanni

            Che poi è lui che scrive gli articoli per Malfitano perché Malfitano non… vabbè lasciamo stare… nel caso ne parliamo in privato….

          • Il Boemo

            si immagina…

    • Aureliovattene

      Tutti contro Dela…..tutti con il dente avvelenato….
      Se poi a fine gara va dalla stampa in diretta televisiva a sputtanare il suo allenatore è una povera vittima.
      Ma la finite di scrivere sciocchezze?

  • Lluixhi

    Di vero c’è certamente l’atteggiamento della stampa contro il Napoli.

  • Pasquale Guadagni

    La singolare successione dei fatti può suggerire che chi ha spifferato lo abbia fatto in aperto antagonismo rispetto all’imposizione del silenzio stampa dopo Madrid. E se uno prende una decisione simile, aggiungo anche che deve sentire un diffuso consenso intorno a sé. Col calendario di marzo, questi quarti di luna non possono aiutare né il Napoli né partiti e partitini interni.

    • Venio Vanni

      Pasquale complimenti per la lettura molto sottile ed approfondita. Sento di fare mia questa tua opinione perché non è campata in aria e giustificherebbe il mancato scoop dopo Palermo…

  • Filiberto Amati

    abbiamo dimenticato che tra Bologna e Genoa, una indiscrezione su Sarri alla Juventus ha fatto il giro dei media? e’ complotto giornalistico o lo sfogo di ADL meritato?

  • Luigi Pagliara

    Destabilizzazione. Destabilizzazione. Destabilizzazione. L’ INTER la Champions non la giocherà, li andremo a battere fino a Milano, e poi i giornalisti della Cazetta li faremo entrare fin dentro allo spogliatoio….

  • Luigi

    Ma la mia domanda è: sono in tanti che aspettano il funerale del Napoli, Gazzetta in primis e questo mi sembra un dato di fatto ormai; Perchè AdL ha alimentato i disfattisti? Non poteva dire tutto in privato?

    • Aureliovattene

      Ma quale disfattisti e disfattisti!
      Perché se diciamo che Dela è solo un buffone, sborone, un padre padrone che gestisce la societa’ come la “puteca” di Giggino o’salumiere. …e che con lui più di una coppa Italia non si vince, siamo disfattisti?
      È la verità. Se poi ci regala pure queste uscite e’ il massimo. Godo. (nella sua ridicola comicita’ alla marchese del Grillo)

  • Mario Corso

    conosciamo il peso, nullo, che abbiamo sui media nazionali ma purtroppo la notizia è verosimile e descrive una situazione che è già chiara. il presidente delaurenz ama prendersi i meriti dei successi ma odia accettare qualsivoglia responsabilità quando le cose vanno meno bene. a madrid si è discolpato quando NESSUNO a napoli si sarebbe sognato di accusare chicchessia.

    nel fare questo si è messo contro squadra e allenatore.

    mi fido dell’imprenditore che magari riuscirà a generare una motivazione fortissima nei propri dipendenti grazie all’odioso sfogo. ma umiliare in mondovisione giocatori e allenatore, nel giorno che avevano meritato di vivere grazie a lavoro e dedizione, è stata una scelta che ha ferito anche i tifosi.

    poi succede che ogni allenatore va via sdegnato e i giocatori decidono di cambiare aria alla prima occasione migliore. succede che il presidente viene odiato da gran parte dei tifosi nonostante la crescita lenta ma costante, nonostante i palcoscenici europei e le prime coppe vinte.

  • Luigi Ferrara

    Credo sia chiaro che la Gazzetta voglia punire il silenzio stampa del Napoli . “Se voi non rompete il silenzio stampa noi vi cospargiamo di sterco” .

    • Aureliovattene

      Se le cose stanno così basta solo smentire e al momento tutto tace.

      • janara69

        Ma con il silenzio stampa non si può fare

        • Aureliovattene

          Perché Dela si è messo in silenzio pure lui?
          Chi lo ha messo? Ahahah

  • MarKesh
  • Aureliovattene

    C’è poco da fare. Se il buffone non smentisce la cosa vuol dire che gatto ci cova!
    In fondo non è la prima volta che fa queste ridicole uscite, non a caso anni fa voleva prendere a botte Reja!
    Il Napolista che tenta ancora una volta di difendere il suo padrone.

  • Trofin Mariana

    Ormai la misura è colma! Da giorni sentiamo le peggiori rappresentazioni di ADL. Ci può anche stare quando una stampa inaffidabile e in maggioranza faziosa rincara la dose soffiando sul fuoco delle polemiche. Ma avrei preferito che le maggiori attenzioni fossero state indirizzate sulle vere analisi tecniche, tattiche e psicologiche che hanno prodotto il risultato, pur decoroso, di Madrid, al di là del valore intrinseco dell’avversario. Solo analizzando le vere cause, che non possono essere sottaciute. Al di là dell’impegno dei giocatori, abbiamo visto tutti un Napoli balbettante, timoroso, incapace di fare tre passaggi consecutivi e impotente. Non spetta a ma dare i giusti suggerimenti, ma gli addetti ai lavori, i sapientoni, i sommi tattici, ci facessero sapere come si poteva, con maggiore qualità, affrontare i “Galatticos”, e come possiamo affrontarli al ritorno con maggiore autorevolezza.

  • Aureliovattene

    Rileggendo certi commenti (di marcata fede aziendale) non so se ridere o piangere.
    Ci vogliono destabilizzare….vogliono l’Inter in Champion. …certi giornalisti hanno il dente avvelenato..

    Poi mi giro indietro e noto che Dela non è nuovo a queste ridicole uscite.
    Infatti Marino Reja Mazzarri e Benitez ne sanno qualche cosa.

  • Pasquale Guadagni

    Mi permetto di lanciare un’ipotesi semiseria che apre scenari complottisti da intrigo internazionale: la soffiata è di Starace, che si è deciso ad abbandonarsi all’abbraccio mortale della Gazzetta dopo aver avuto la garanzia di un lauto salvacondotto dal Chiattone e da Pecchia, a loro volta ai ferri corti col magazziniere del Newcastle, il cui caffè è un’emerita ciofeca.

    • Venio Vanni

      Pasquale il diffuso consenso è di matrice straniera… Ex franchista oppure ex comunista ed ex cecoslovacco…

      • Pasquale Guadagni

        Come un celebre editoriale di Mino Pecorelli: E’ Yalta che ha voluto via Fani.
        Iperboli a parte, ti ringrazio del riscontro per l’ipotesi che ho formulato: leggere la fuga di notizie come una reazione polemica al diktat del silenzio stampa. E se veramente la fuga di notizie fosse stata autorizzata nello spogliatoio, un fatto così grosso autorizzerebbe a credere che lo spogliatoio sia compattamente disponibile allo scontro frontale con la presidenza.

  • francesco

    TERU’

  • Vincenzo D’Agostino

    Sarri dovrebbe andare via.
    Le squadre potrebbero essere Atletico Madrid (se Simeone va all’Inter), Inter (se Simeone non va e se Pioli si accascia), Milan, Juve.
    Notizia passatami a Settembre, ripeto Settembre, da un mio amico molto amico di alcuni giocatori.
    In origine le voci erano due : Atletico (si dava x scontato Simeone all’Inter) e Juve (richiesta specifica del pipita…..e molto dipende che Champions farà Allegri).
    La motivazione, pare, sia la “poca soddisfazione” di Sarri circa la campagna acquisti.
    Quindi tutti gli screzi di quest’anno avrebbero questi fondamenti.
    P.S.
    Lo so che ci sono tanti condizion ali ma questo mio amico mi disse a settembre 2015 che Higuain sarebbe andato via e a Gennaio 2016 dove sarebbe andato.
    Speriamo stavolta si sbagli.

  • Paco2020

    Ma quale allenatore resterebbe al Napoli ??? Fanno il loro lavoro, lo fanno bene, e prendono calci nei denti (metaforicamente), ma chi resterebbe dopo essersi fatto pubblicamente apprezzare ??. Meglio che già si pensi al prossimo…

  • La grande stampa del nord ci ha sempre voluto tanto bene.

  • Marazola

    Ecco perché mi ero arrabbiato tanto con adl che uscita che autogol

  • Marazola

    A svelare il retroscena del dopo Palermo è stato El kaddouri

  • Fabio Milone

    Io sono MOLTO scettico su questa cosa.
    Perche’ ne parla solo il foglio rosa?
    L’articolo e’ a firma di Malfitano, cioe’ uno che e’ radiato dalle conferenze stampa, dalle interviste, dal giro dei giocatori, un peracottaio che ce l’ha col Napoli e sopratutto con De Laurentiis.
    Chiarissimo l’intento destabilizzatore.
    Purtroppo pero’ siamo sotto silenzio stampa (che autogol nell’autogol da parte del presidente!) e quindi polemiche e fioriture a strafottere…
    Proprio non e’ possibile goderci un grande Napoli in santa pace?

  • polytropos

    A proposito di timing e silenzio stampa, ora ho capito tutto l’interesse di DeLa per la Cina: vuol farsi vendere la tecnologia per bloccare Twitter a Castelvolturno…

  • robberto

    ADL è un buffone che non sa tenere la bocca chiusa. Lo sanno pure le pietre. Mi piacerebbe avere un presidente con la classe di Moratti.

  • cave canem

    Vogliamo discutere del sesso degli angeli?
    C’è ancora al mondo qualche sciagurato che prende sul serio i media?
    Qualcuno che si illude che i fatti esistono perché “l’ha detto la TV”?
    Che punterebbe un cent bucato sull’obiettività dei giornalisti e di chi vende informazione in generale, sulla loro buona fede? sulla loro indipendenza?
    Qualcuno che ancora non ha imparato che la notizia crea la realtà così come poi verrà percepita dai più?
    Suvvia….!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per la pubblicità e alcuni servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cliccando su “Accetto”, scollando o cliccando qualunque elemento di questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.