Ronaldo, il più forte (secondo Higuain) è in realtà il fondatore del calcio contemporaneo

Riflessione su Ronaldo, che Higuain ha eletto come personale «attaccante di ogni tempo». Il tradimento, gli incidenti, la carriera di un’icona dell’ultimo ventennio.

Ronaldo, il più forte (secondo Higuain) è in realtà il fondatore del calcio contemporaneo

«L’attaccante d’area più forte di ogni tempo è Ronaldo»

Forte, è stato forte. Forse non il più forte di tutti i tempi, come invece ha affermato Gonzalo Higuain. È stato il primo rappresentante di un calcio giocato a un’altra velocità. Accelerazioni, progressioni e gol. Tanti gol. E tanta tecnica. Faceva tutto a velocità doppia. Dopo di lui, il Brasile non ha vinto più niente. L’ultimo Mondiale è stato il suo, Corea 2002. Una papera di Kahn favori’ la sua rivincita. Quattro anni prima, in Francia, di fatto la sua finale fini’ prima di cominciare. Negli spogliatoi. Vittima di un attacco epilettico. Fu mandato a forza in campo. Chissà cosa ricorda della serata che incoronò Zidane.

In teoria, vinse anche nel 1994. Contro l’Italia. Ma quel Mondiale lo guardò dalla panchina. E sempre contro Zidane, nel 2006, terminò di fatto la sua avventura in Nazionale. Ha segnato più di 400 gol. E, volendo ironizzare sulla preferenza di Higuain, non si è mai posto il problema del tradimento. Al Barcellona punto’ i piedi per trasferirsi all’Inter. Dove venne coccolato come nessun altro. Curato, atteso. Lui ricambiò perdendo uno scudetto e puntando i piedi per andarsene. La sua storia nerazzurra fini’ il 5 maggio, in lacrime sulla panchina dell’Olimpico. A pochi metri dall’odiato Cuper. Volle andarsene a Madrid. Dove giocò quattro stagioni e mezzo e vinse pochissimo. Andò via a gennaio 2007, quando al Real arrivo’ Higuain. L’ultimo schiaffo agli interisti lo rifilò accettando il trasferimento al Milan. Segnò persino in un derby che l’Inter poi vinse in rimonta.

Ha ispirato Cristiano Ronaldo, più potente dell’originale ma meno veloce e meno implacabile davanti alla porta. Ma più solido mentalmente. E più fortunato. Perché Ronaldo il brasiliano ha pagato un caro prezzo alla sfortuna. Si ruppe due volte il ginocchio. Oggi segnerebbe vagonate di gol. Le sue progressioni ricordavano gli slalomisti in azione. Ne sa qualcosa la Lazio travolta in finale di Coppa Uefa. Il più forte di tutti i tempi no. Il fondatore del calcio contemporaneo sì.

Napolista ilnapolista © riproduzione riservata
TERMINI E CONDIZIONI
  • Barrilete Cosmico

    Per me Ronaldo il Fenomeno entra nella top 5 dei calciatori più forti di ogni tempo. Ma senza entrare nel merito della discussione di chi sia più forte, quello che è stato impressionante, oltre la sua immensa classe, è stato il sapersi reinventare dopo l’infortunio. Lo ricordate a Madrid? Un altro giocatore rispetto alle sue esperienze passate. Eppure ha continuato a segnare tanto. Il suo infortunio è stato davvero un peccato. Centravanti meraviglioso.

  • dino ricciardi

    Non scherziamo addirittura nei Top 5?
    Grandissimo Centravanti,si può disquisire se è stato piu forte di un Van basten,di un Careca,di Ibra,di un Nordalh ma nei primi 5 c’è gente di altra categoria…ci sono i Maradona,I Messi,I Pelè,I Cruijff,i De Stefano….

    • Barrilete Cosmico

      Ecco, per esempio tra Messi e Ronaldo sceglierei ad occhi chiusi il Fenomeno se dovessi fare una squadra con i più forti di tutti i tempi. Non so dirti chi sia più forte. Stiamo parlando di padreterni. È solo un gusto personale. Ma quelle movenze, quella rapidità disarmante, quei dribbling (ricordi il tunnel a Maldini (!!!) nel derby?), mi hanno fatto innamorare di questo giocatore. Nessun calciatore dopo, e pochi prima di lui hanno espresso tutte queste carattestiche insieme a quel livello

      • dino ricciardi

        Si infatti è solo gusto personale,l’ho visto dal vivo diverse volte a San siro ….fortissimo,veloce,finte e doppio passo ..ma probabilmente dipende dall’età che abbiamo ma io mi sono innamorato prima di Crujif e poi di Maradona. 🙂

        • Barrilete Cosmico

          Eh vabbè ma quei 2 che hai citato sono ai primi 2 posti della mia classifica 🙂 oltre che per come hanno giocato, per l’enorme peso carismatico che hanno avuto. Peccato solo che non ho potuto vederli dal vivo (ci hai azzeccato con la mia età :D).
          Ah, inutile dirti chi tra i due è al primo posto 😀

          • dino ricciardi

            immaginavo 🙂

          • Marazola

            Eusebio e puskas erano due polli allora?

          • dino ricciardi

            Ho visto appena qualche fimato dei due.Di Eusebio ho un vago ricordo del mondiale del 66 in Inghilterra.
            Nei primi 5 al mondo sinceramente non li vedo.

  • nith

    Si confrontano sempre giocatori di epoche calcistiche completamente differenti. Addirittura si citano nomi di giocatori che hanno calciato la palla negli anni 50. Possiamo disquisire su quale calcio sia stato il più bello, ma non scomodiamo inutilmente giocatori che hanno fatto la storia, cercando di trovare un confronto che non regge.

  • White Shark

    C’è da dire che probabilmente questo tipo di calciatore e di gioco accorci e di molto il periodo top delle loro carriere. Fin dai primi fasti di Ronaldo mi era parso logico che non sarebbe durato molto a lungo. È un tipo di calcio che, per velocità e impegno fisico richiesto, ti logora molto rapidamente. Gli infortuni gravi che ha subito non credo siano così indipendenti dal suo modo di giocare.

  • aristoteles logatto

    Da tifoso del Napoli davvero pochi giocatori soltanto ho ammirato oltre Lui: Batistuta,LND Ronaldo, zidane, il ronaldino (gno) del barca, robben , del Piero, Baggio, e soprattutto Iniesta del quale Messi è davvero lo scroto. Più guardo il calcio ,più (data la povertà di fuoriclasse) vengono fuori ogni settimana Top players,più guardando al calcio italico ’80-’90 penso che messi e Cristiano Ronaldo farebbero la panchina di molti ma molti di quei giocatori

  • Vincenzo D’Agostino

    Il giocatore più sopravvalutato della storia

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per la pubblicità e alcuni servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cliccando su “Accetto”, scollando o cliccando qualunque elemento di questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.