Prandelli: «Tutto è cambiato da quando dissi che votavo Renzi»

Intervista del Corriere della Sera all’ex ct della Nazionale oggi allenatore del Valencia: «Il calcio è pieno di paraculi»

Prandelli: «Tutto è cambiato da quando dissi che votavo Renzi»
Prandelli sostiene che l'atteggiamento nei suoi confronti nel mondo del calcio è cambiato da quando dichiarò che votava Renzi.

Bella intervista del Corriere della sera a Cesare Prandelli. Incomprensibile – ma queste sono cose di giornalisti – che il passaggio relativo a Renzi non sia in alcun titolo dell’intervista se non in un virgolettone laterale. Una conversazione ampia, che tocca diversi punti. Prandelli parla della Spagna, di Valencia, dell’Italia, di quella finale dell’Europeo persa 4-0 contro la Spagna, di Balotelli («Non l’abbiamo sopravvalutato, il punto è se vuole fare la professione al 100% sempre»), ma il passaggio più interessante arriva dopo, quando si parla delle critiche post-Mondiale e del famoso codice etico.

Parlò di critiche vergognose (il riferimento è al Mondiale, ndr).

«Confermo. Criticare è giusto, massacrare no. Ma è tipico italiano: ti portano su per buttarti giù».

La cosa peggiore di quei giorni?

«Collaboravo con varie associazioni benefiche: dopo il Mondiale mi hanno gettato via, tradito. Umanamente lo trovo sconvolgente».

La ferita sembra ancora aperta.

«E mi farà sempre male. Mi chiedo ancora  perché. A volte l’essere umano è folle».

Il suo famoso codice etico suscitò ironie.

«Normale. Ma diciamola tutta: dal giorno in cui ho detto che votavo Renzi tutto è cambiato. Eppure avevo solo detto ciò che pensavo».

Era meglio essere un po’ paraculi?

«Ah sì. Il calcio ne è pieno. La prima regola è pararsi, poi vediamo…».

Ma di Renzi è soddisfatto almeno?

«Ho sempre creduto nel suo lavoro. Ora è in un momento particolarmente difficile».

Napolista ilnapolista © riproduzione riservata
TERMINI E CONDIZIONI
  • Mauri Franksson

    No, scusate, cosa state cercando di dimostrare con questo? Che in Italia chi si dichiara a favore di Renzi viene ostacolato e emarginato? Ma stiamo scherzando?

  • Attimo Fuggente

    ahahah.Buona questa.Quel noto rivoluzionario di Renzi !

  • Giulio Ceraldi

    Fare politica pure sul Napolista è penoso.
    Magari, da qua al 4 dicembre dobbiamo aspettarci qualche articolo del tipo “nessuno osi criticare Ventura che vota sì”?

  • Mauri Franksson

    Comunque su una cosa avete ragione: è strano che Filippo Sensi e la macchina propagandistica del governo non abbiano sfruttato questa dichiarazione demenziale per rinforzare l’immagine del presidente del consiglio di ariete anticasta lanciato contro i poteri forti. “Vedete? Ci ostacolano impedire il cambiamento”

    Quanto a Prandelli, se vuole convincersi che la sua parabola è dipesa dalle idee politiche, faccia pure. Ma risulta patetico. I renziani hanno occupato tutti i gangli vitali della vita sociale e politica del paese. E ora scopriamo invece che il calcio è un covo di d’alemiani capeggiati da Tavecchio che lotta per la Restaurazione.

  • Ale Moska

    Ma perché, invece che fare queste dichiarazioni, non si droga?

  • Toti Pianese

    Caro Prandelli: E DATTI UNA RISPOSTA!!!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per la pubblicità e alcuni servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cliccando su “Accetto”, scollando o cliccando qualunque elemento di questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.